Breaking News
Home / Società / Economia / Covid-19, nasce l’associazione Imprenditori Turistici Associati per una ripartenza efficace
Covid-19, nasce l’associazione Imprenditori Turistici Associati per una ripartenza efficace

Covid-19, nasce l’associazione Imprenditori Turistici Associati per una ripartenza efficace

È ufficiale: è nata l’associazione Imprenditori Turistici Associati, composta da aziende, tra le più rappresentative della Sicilia, che operano in vari settori (ristorativo, alberghiero, parchi divertimento, trasporti terrestri e marittimi, e non solo), che rivendica attenzione legislativa per il settore turistico e interventi specifici da parte del Governo nazionale e regionale con un piano di attuazione della durata di almeno 24 mesi, valevole fino al 2022.

A fondarla i soci Antonio Carbone (settore comunicazione e TIC), Maurizio Vaccaro (settore alberghiero e parchi divertimento), Angelo Maimone (settore trasporti turistici e Mobilità), Leonardo Termini (settore finanza). I soci fondatori, che operano tra Taormina e le Gole Alcantara, sono stati coadiuvati da Angelo Lombardo (settore alberghiero e trasporti marittimi) e da Enzo Pisano (settore product manager T.O.) nello svolgimento delle funzioni. Nei prossimi giorni, verrà costituito il Consiglio Direttivo.

Obiettivo: uscire dall’emergenza COVID-19 attuando le migliori soluzioni per una ripartenza efficace con il minor danno possibile al fine di tutelare tutte le imprese della filiera turistica siciliana e coadiuvare le Istituzioni locali, ma anche quelle regionali e nazionali.

Precise linee guida, elaborate sulla base di conoscenze continuamente aggiornate e valide, sono rivolte alle aziende del settore turistico e costituiscono un piano di interventi articolato in tre fasi e dalla durata di almeno su 24 mesi. A dettarle un documento inviato al Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè; al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte; al Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini; al Presidente dell’Unione dei Comuni Naxos-Taormina, Orlando Russo; al Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; all’Assessore regionale al Turismo, Manlio Messina; al Sindaco di Taormina, Mario Bolognari; nonché agli organi regionali e nazionali.

La prima fase, la cui durata approssimativa sarà di 10/12 mesi, si protrarrà fino all’avvio della stagione turistica e sarà utile a far superare il periodo di ‘lockdown‘ previsto fino alla prossima stagione 2021. L’intervento delle Istituzioni e del Sistema bancario dovrà avvenire, in modo frazionato, con contribuzioni a fondo perduto alle aziende, e non con meri prestiti.

La seconda fase, valida per tutto l’anno 2021, prevederà il ripristino della “normalità operativa” per le aziende e partirà soltanto a condizione che il rischio pandemia sia stato adeguatamente circoscritto, visto che la “normalità” di cui sopra si realizza con ricavi stagionali adeguati e con un sufficiente mantenimento delle attività aziendali; inoltre, con il pagamento con le banche dei debiti, postergati in virtù delle disposizioni di Legge sul posticipo delle rate dei mutui e dei prestiti precedenti alla crisi.

La terza fase, invece, si svolgerà alla stagione 2022, nella quale in cui si presuppone saranno ormai superati in rischi pandemici e sarà, dunque, possibile il ritorno a regime delle aziende, le quali, a questo punto, dovrebbero poter contare su adeguati ricavi tali da consentire loro di pagare anche i prestiti ottenuti tramite il D.L. 23/2020.

Per permettere alle aziende di sopravvivere fino alla stagione 2021 ed iniziare il percorso di rimessa a regime che si potrà concludere non prima del 2022, si richiede il finanziamento a fondo perduto del 30% del fatturato dell’azienda come da bilancio depositato 2018 o nel 2019.

In tal modo, a differenza delle somme messe a disposizione nel “Decreto liquidità” (D.L. 08/04/2020), si evita un ulteriore indebitamento delle aziende e consente una liquidità a costo zero, inoltre, non saranno esposte a seri rischi di insolvenza.

Interventi di sostegno alle imprese per la ristrutturazione ed adeguamento delle aziende in funzione delle prescrizioni sanitarie e di distanziamento sociale covid‐19.

Al fine di adeguare alle prescrizioni anti Covid‐19 le aziende, si chiedono finanziamenti a fondo perduto per tutti gli interventi di adeguamento e di ristrutturazione delle aziende dovranno da parte della Regione, utilizzando i Fondi Strutturali.

Incentivi e sostegni per l’occupazione, strumenti agevolativi per mantenere livelli occupazionali. Un esempio potrebbe essere un periodo di assunzione agevolata di tre anni (periodo di ritorno a regime delle attività) detassato dell’80%.

Le attività commerciali, esposte a rischi legati a possibili situazioni di contagio, dovranno stipulare/adeguare una polizza assicurativa che garantisca la copertura del danno, derivante anche, probabilmente, dalla futura chiusura dell’attività. Ecco perché è necessario l’apporto della Regione per instaurare idonee convenzioni con le compagnie assicuratrici.

Anche i Voucher Turistici Omnicomprensivi sono da attuarsi. Il “Voucher Vacanza” onnicomprensivo dovrà essere finanziato con la riconversione dei fondi strutturali. Una sorta di carta dei servizi con un importo limite comprensivo di due notti in hotel o B&B o casavacanza fino a 4 stelle, su 6 notti per coppia. Il costo del trasferimento dovrà avvenire entro 80 chilometri con noleggio del conducente; la cena o pranzo in un ristorante; anche due consumazioni al bar; inclusi anche uno sconto del 50% sull’ingresso ai parchi di attrazione turistica e una escursione.

Attraverso la creazione di una web‐app “Città e itinerari turistici e città”, si potrà fruire dei voucher attraverso il proprio cellulare e così accedere ad itinerari digitali interattivi, creati da guide e/o professionisti del settore, strutturati per permettere al turista di godere delle bellezze della Sicilia.

Senza, infine, tralasciare nella menzione la funzione di promozione del territorio svolta dall’App, che costituirebbe il nuovo Marketplace di riferimento per tutti i componenti della filiera turistica, i quali potranno utilizzarla come strumento di promozione e vendita. Tra i servizi inclusi, un e‐commerce per gli acquisti online.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su