Home / Politica / Circoscrizioni / Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “A quale Santo votarsi?”
Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “A quale Santo votarsi?”

Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “A quale Santo votarsi?”

Non nasconde il suo rammarico il consigliere Mario Biancuzzo per il mancato esito delle sue “battaglie” sociali. E lo fa con una nota. Segue il testo.

In questi giorni si legge di petizioni popolari che sensibilizzano l’opinione pubblica su tematiche di rilevanza. Nasce spontanea la domanda: ma il consigliere Mario Biancuzzo che da anni attende che venga dato riscontro e ancor prima che venga legittimamente accolta la petizione con 10 mila firme riguardante l’abolizione del pagamento del pedaggio in tangenziale località Ponte Gallo Comune di Messina, che chiamano ingannevolmente Villafranca, a quale Santo dovrebbe votarsi?

È assurdo che petizioni recenti con un numero di firme inferiori a quelle del pedaggio vengono accolte e venga dato seguito ed accoglimento mentre una petizione di rilevanza globale per l’intera cittadinanza e non solo debba giacere dimenticata nei cassetti di qualche burocrate.

Vorrei ricordare che, l’articolo 3 e 9 della Costituzione sono di supporto alla petizione per l’abolizione del pedaggio in entrata ed uscita in località Ponte Gallo Comune di Messina.
Infatti l’art. 3 recita “è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitando di fatto la libertà e la eguaglianza dei cittadini impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione all’organizzazione politica economica e sociale del paese”.

Mentre l’art. 9 recita, “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica”.
Ciò detto, come può pretendere una città civile e metropolitana permettere che ci siano cittadini di seria A e cittadini di serie Z costretti a pagare quello che non è loro dovuto?

Fermo restando che, a tutto oggi nessuna autorità competente a mai risposto, mai ha affrontato la questione della petizione e mai sono stato interpellato. Pertanto, mi riservo di reclamare il giusto e legittimo accoglimento rivolgendomi direttamente al Senato della Repubblica Italiana della petizione a tutto oggi inevasa.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su