Breaking News
Home / Politica / Comune / Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “Paghiamo dal 1972”
Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “Paghiamo dal 1972”

Pedaggio Ponte Gallo, Biancuzzo: “Paghiamo dal 1972”

Ci riprova il consigliere Biancuzzo, nel tentativo di fare passare la richiesta di abolizione immediata del pedaggio di Ponte Gallo. La tassa (perché di questo sì tratta) è obbligatoria nella bretella, sia in entrata che in uscita, per e da Località Ponte Gallo. Il pedaggio, a detta del consigliere, si pagherebbe per accedere ad un’area del Comune di Messina, erroneamente considerata appartenente al Comune di Villafranca Tirrena.

Il sottoscritto, Mario Biancuzzo, – si legge nella nota indirizzata al Prefetto e al sindaco – in qualità di consigliere, rappresenta alle SS. LL. per quanto di loro competenza quanto segue: nelle more dell’esito dell’iter legislativo da parte del Senato della Repubblica relativo alla disamina della petizione richiedente l’abolizione del pedaggio, in località Ponte Gallo si chiede immediatamente l’abolizione del pagamento di €1,20 per entrare ed uscire nello stesso Comune di Messina, considerando che alle ragioni della petizione si aggiunge il disservizio arrecato agli automobilisti in transito da Ponte Gallo direzione città.

Infatti, questo tratto di tangenziale viene fatto pagare per una percorribilità che dovrebbe, sulla carta, coprire Ponte Gallo Boccetta – almeno. In realtà accade che per i lavori in corso degli svincoli, tutti gli automobilisti pagano indebitamente un percorso interrotto non effettuato per lavori in corso che obbligano tutti ad uscire allo svincolo denominato Giostra.

Per le ragioni legittimamente imposte agli automobilisti, bisogna avere la stessa coerenza politica nell’eliminare un pedaggio non adeguato al servizio mancato. Alla beffa del pedaggio imposto a chi transita in entrata ed uscita nel territorio del VI Quartiere, si allarga la pretesa del pagamento di un pedaggio assolutamente non dovuto.

Chiedo ancora una volta, a nome di circa 10mila cittadini, in modo definitivo e per sempre, l’immediata abolizione di un pagamento di un pedaggio illegittimo alla bretella di Ponte Gallo ricadente totalmente nel territorio dello stesso Comune di Messina e viene rilasciata a richiesta una ricevuta di pagamento falsata, con la dicitura Villafranca.

Alcuni cittadini residenti nel VI Quartiere, non a caso, reclamano di staccarsi dal Comune per istituire un nuovo Comune a sé denominato Montemare capace questa volta di rispondere alle istanze dei residenti che invece ad oggi si sentono trascurati, inascoltati e si ritengono l’estrema periferia lontani dall’avere le stesse opportunità e condizioni offerti ai quartieri del centro città.

Chiedo, ripeto, a nome di circa 10mila cittadini firmatari della petizione, l’immediata eliminazione del pedaggio in località Ponte Gallo, ricadente nel Comune di Messina

La legge deve essere uguale per tutti, i cittadini residenti a Nord di Messina hanno gli stessi diritti e doveri dei cittadini residenti a Sud di Messina che non pagano, giustamente, il pedaggio per uscire e tornare a casa transitando dall’autostrada. Noi paghiamo dal 1972. Ora basta. Grazie.

Siamo a Messina e non a Villafranca. Villafranca è un altro Comune, con un altro Sindaco ed altri consiglieri comunali”.

“Ecco la ricevuta falsa che continuiamo a pagare”(M.Biancuzzo)
La petizione con larghissima adesione
Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su