Breaking News
Home / Politica / Circoscrizioni / Ponte Gallo, Biancuzzo: “Ho ricevuto risposta tramite e-mail dal Senato”
Ponte Gallo, Biancuzzo: “Ho ricevuto risposta tramite e-mail dal Senato”

Ponte Gallo, Biancuzzo: “Ho ricevuto risposta tramite e-mail dal Senato”

La politica delle parole, la politica dei fatti è una vergognosa realtà“. Esordisce così, il consigliere Mario Biancuzzo, nella sua lettera aperta. I toni sono di rammarico e di forza per un problema che davvero non trova risoluzione, né via d’uscita.

Da numerosi anni mi batto per l’abolizione del pagamento del pedaggio in località Ponte Gallo – che chiamano erroneamente o ingannevolmente Villafranca, – fino ad avere promosso una petizione popolare.

Di tanto in tanto, si sveglia qualche associazione o qualche pseudo politico che rivendica spazio sui giornali parlando senza cognizione di causa di una abolizione per alcuni residenti, di una sospensione del pagamento causa lavori da farsi o in corso. Senza, di fatto, considerare che nel silenzio generale, nel disinteresse degli ignavi e di chi avrebbe titolo nulla è cambiato.

Infatti, ricordo che ho dovuto rivolgermi al Senato della Repubblica, che “udite udite” sta esaminando la petizione per darne riscontro legittimo, omesso da tutte quelle istituzioni a cui la petizione era stata destinata. E’ chiaro che la politica dei fatti in questa città è deludente.

Reitero come una voce nel deserto che l’abolizione definitiva del pagamento del pedaggio ricadente a Ponte Gallo Messina è legittima e fondata tant’è che ho ricevuto risposta tramite e-mail dal Senato della Repubblica che sta procedendo ad esaminare la richiesta dell’abolizione del pedaggio.

E’ proprio vero, come recita il proverbio, non c’è peggiore sordo di chi non vuol sentire, purtroppo sordi e ciechi restano le istituzioni locali, l’aiuto ai Messinesi arriverà, vi piaccia o no, dal Senato della Repubblica.

Mi dispiace soltanto per chi si fa venire il “mal di pancia” perché non riesce a farsi spazio prendendosi i meriti piuttosto che rinunciare ai protagonismi e mettersi al servizio della comunità intera.

Purtroppo, non c’è stata una sola Autorità a cui abbia chiesto supporto e condivisione che si sia spesa e che abbia risposto adoperandosi in tutti questi anni per ottenere l’abolizione del pagamento del pedaggio”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su