Breaking News
Home / Sport / Ciclismo / Giro d’Italia: a Piano Provenzana vince Jonathan Caicedo
Giro d’Italia: a Piano Provenzana vince Jonathan Caicedo

Giro d’Italia: a Piano Provenzana vince Jonathan Caicedo

A Piano Provenzana vince la terza tappa del Giro d’Italia Jonathan Caicedo (2.UWT) dopo una lunghissima fuga staccando sulla salita finale un generosissimo Giovanni Visconti che si deve accontentare della second piazza; sul gradino più basso Harm Vanhoucke (Lotto – Soudal).

La fuga di oggi è composta da Josip Rumac (Androni Giocattoli – Sidermec), Jonathan Caicedo e Lawson Craddock (EF Pro Cycling), Francesco Romano (Bardiani CSF – Faizanè), Giovanni Visconti (Vini Zabù – Brado – KTM), Victor Campenaerts (NTT Pro Cycling), Mikkel Bjerg (UAE Team Emirates) e Matthew Holmes (Lotto – Soudal).

Il vantaggio dei fuggitivi supera i 5 minuti ma dopo il traguardo volante di Belpasso il gruppo inizia ad alzare il ritmo con Jacopo Mosca (Trek – Segafredo) che guida il trenino dello squalo Vincenzo Nibali.

A 26 km dall’arrivo attardato Geraint Thomas (INEOS Grenadiers) che si stacca dal gruppo; è proprio la maglia rosa Filippo Ganna in prima persona per cercare di riportare in gruppo il britannico; purtroppo Thomas alzerà bandiera bianca per i postumi di una caduta ad inizio frazione.

A 14 km dall’arrivo accelera in testa la corsa Caicedo seguito da Visconti mentre in testa al gruppo è tirato da Matteo Fabbro (BORA- hansgrohe) a favore del capitano Rafal Majka.

Il ritmo del giovane azzurro matte in crisi Simon Yates (Mitchelton – Scott) che si stacca dal gruppo a 9 km dall’arrivo; il gruppo esplode nel momento in cui Fabbro si sposta e parte Jonathan Castroviejo.

Caicedo a 4 km dall’arrivo riesce a staccare Visconti mentre Jakob Fuglsang (Astana Pro Team) attacca chiuso da Nibali; parte così Wilko Keldermann (Team Sunweb) che riesce ad avvantaggiarsi. L’ecuadoregno resiste fino all’arrivo mettendo a segno la sua prima vittoria nella corsa rosa.

A 3 km dall’arrivo accelerano Nibali e Fuglsang seguiti da Domenico Pozzovivo e Majka ma la situazione non cambia fino all’arrivo con i big che si controllano fino al traguardo.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su