Breaking News
Home / Politica / Comune / Il coordinatore del tavolo tecnico autismo denuncia le mancanze dell’amministrazione comunale
Il coordinatore del tavolo tecnico autismo denuncia le mancanze dell’amministrazione comunale

Il coordinatore del tavolo tecnico autismo denuncia le mancanze dell’amministrazione comunale

Riceviamo e pubblichiamo dal Coordinatore del Tavolo Tecnico Autismo Messina e Presidente dell’Associazione “IL VOLO”, Pino Currò il seguente comunicato stampa:

“Il 3 Dicembre si celebra la Giornata dedicata alle persone con disabilità. Apprendiamo dalla stampa cittadina che anche a Messina si sono tenute due distinte iniziative. Volutamente, a quel che ci è dato sapere, e quindi con obiettivi diversi. Della iniziativa promossa dalla Amministrazione comunale avevamo avuto sentore da una locandina inoltrataci da uno degli Assessori che l’anno sostenuta. Ne è nata una animata discussione con alcuni genitori di ragazzi autistici, che hanno criticato soprattutto le modalità della iniziativa stessa. Fatto sta che le Associazioni che si occupano di Disturbo dello spettro autistico non sono state ufficialmente invitate, anche se nella citata locandina si legge genericamente : “Invito esteso a tutte le Associazioni”. C’è da chiedersi : Quali e da parte di chì ? Precisiamo subito che non intendiamo cedere alla facile tentazione della polemica, bensì analizzare alcuni fatti con spirito costruttivo. Sappiamo che “Disabilità” è un termine troppo generico del quale si è ampliamente abusato in tutti questi anni. Per tale motivo ci aspettavamo maggiore chiarezza da parte della Amministrazione. Che non è arrivata. Né prima né dopo. Poi, sempre nel citato articolo di stampa, leggiamo che mancano : i Centri Diurni, un Garante, Ville e Giardini attrezzati ad accogliere i più fragili, nonché trasporti pubblici adeguati. Allora abbiamo aguzzato l’ingegno, si è illuminata la nostra mente e ci siamo detti, noi genitori sempre in prima linea : “Ma stanno parlando di noi ! Queste sono le nostre richieste che da anni fatichiamo enormemente a sottoporre all’attenzione di chi dovrebbe decidere in merito”. Ma, ribadiamo, non abbiamo altre fonti alle quali attingere, al di là del citato articolo, per cui permane l’interrogativo : L’ iniziativa della Amministrazione comunale si deve classificare come “di parte”, oppure è l’ennesima occasione mancata ? Ma allora di che e con chi avranno parlato ?A questo punto ci limitiamo a ricordare, a chi l’avesse troppo facilmente dimenticato, le tantissime occasioni, a favore dei soggetti autistici, nelle quali abbiamo messo in risalto le nostre annose problematiche, che valutiamo come occasioni mancate : -Di recente, in data 10.09.2020 Il Consiglio Comunale ha sottoscritto una Mozione nella quale impegna l’Amministrazione comunale in tutta una serie di iniziative. Non è avvenuto alcun confronto successivo.–Ne è scaturita un’altra seduta della VII Commissione per le Politiche Sociali del Comune, in data 15.10.2020, che ha messo in rilievo alcune obiettivi salienti da intraprendere anche nei confronti di altre Istituzioni/Enti che si occupano di Autismo. La stessa Commissione si era già riunita nel 2019 in data…..per ribadire alcune questioni importanti da sottoporre al Sindaco. Restiamo in attesa che si concretizzino.–C’è da sottolineare la lettera invito, rivolto dal Prefetto di Messina all’Ass.re Calafiore in data 27.07.2020, ad incontrarsi e discutere con le Associazioni familiari di tutte le tematiche rimaste in sospeso. Naturalmente questo incontro-confronto non è mai avvenuto, anche se il Prefetto ritiene il contrario.–Andando più indietro nel tempo, possiamo rimarcare : Tutti gli impegni assunti dalla Amministrazione in occasione delle varie Giornate Mondiali Autismo del 2 Aprile. Ma anche le precedenti Amministrazioni.Il Convegno del 10 Ottobre 2019, che avrebbe dovuto rappresentare uno spartiacque, in quanto erano presenti tutte, dicasi tutte, le massime Autorità cittadine, compreso l’Assessore Reg.le alla Salute, Ruggero Razza. Nessun impegno intrapreso in quella sede è stato portato avanti. In ultimo, l’incontro tenutosi col Sindaco De Luca in data 11 Novembre 2019, del quale è stato redatto anche un verbale. Non uno degli impegni assunti e sottoscrittisono stati mai rispettati. Dopo di che l’Amministrazione si è chiusa a qualsiasi richiesta di chiarimento fattale pervenire. Naturalmente le Famiglie con le loro Associazioni in tutto questo periodo non sono rimaste in attesa che arrivi la manna dal cielo. Hanno sviluppato le loro iniziative autonomamente. Una cosa è certa : la fiducia nei confronti dell’Ente pubblico è stata ulteriormente minata e tutto ciò giustifica ampliamente il disinteresse se non il disimpegno verso chi magari si ricorda che esistiamo nel momento in cui si va a votare. Ma occorre dire con altrettanta franchezza che io, noi, non ce l’abbiamo tanto e soltanto col Sindaco per le sue inadempienze, ma con quanti avrebbero potuto parlare e non l’hanno fatto. Avrebbero potuto intervenire con più determinazione, e non solo con quattro fogli esortativi, e non l’hanno fatto. Fino alla denuncia più aspra e non l’hanno fatta. Riteniamo costoro egualmente responsabili, per il silenzio e la superficialità dimostrata. Non ci servono gli attestati di solidarietà, le esortazioni dell’ultima ora che non approdano a niente di concreto. Tali considerazioni ci conducono inesorabilmente ad una conclusione amara. Questa è una città che muore di lenta agonia. Mentre il cadavere ci passa sotto gli occhi facciamo finta di niente. La cosa peggiore è che la gente non sa riconoscere a se stessa le proprie potenzialità, che pur a volte emergono, ma che sono subito messe a tacere, come un fato ineluttabile che impedisce qualsiasi, seppur minimo cambiamento. Niente è peggiore dell’impotenza, del silenzio, dell’indifferenza. Uccidono di più di una presa di posizione contraria od ostruttiva. Anche per questo i nostri figli migliori preferiscono andar via. A cercare altrove, con la morte nel cuore, le condizioni per costruirsi un futuro migliore. Urlando dentro di se, mentre osservano dall’alto del traghetto la città allontanarsi sullo sfondo, con gli occhi colmi di lacrime : “Terra ingrata”, “Amara terra mia, amara e bella”. E così sia……”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su