Breaking News
Home / Cronaca / “Nzivati e lordi devastano l’ambiente”: Biancuzzo contro i rifiuti della Marmora
“Nzivati e lordi devastano l’ambiente”: Biancuzzo contro i rifiuti della Marmora

“Nzivati e lordi devastano l’ambiente”: Biancuzzo contro i rifiuti della Marmora

Sempre presente, per scongiurare pericoli alla sicurezza e danni all’ambiente, il consigliere della VI Circoscrizione del Comune di Messina ha, stamani, eseguito un sopralluogo nell’area che insiste sotto il ponte Marmora e sulla strada sterrata di collegamento tra la località Marmora e la Strada Statale 113/dir Comune di Messina. Ad ispezione ultimata, Mario Biancuzzo ha stilato una nota, indirizzata al presidente di Messinaservizi Bene Comune, Giuseppe Lombardo, di cui segue il testo.

Si fa seguito – spiega Mario Biancuzzoalle segnalazioni pervenute allo scrivente relative alla presenza di rifiuti di ogni genere che invadono la strada ed il fiume che sollevano problemi di igiene e di mancato rispetto del conferimento e dello smaltimento della varie tipologie di rifiuti che hanno deturpato la zona segnata in oggetto, trasformandola in una discarica a cielo aperto.

Pertanto, – conclude – chiedo un intervento di rimozione, sanificazione e bonifica onde scongiurare ulteriori danni di inquinamento all’ambiente evitando che il percolato si infiltri nel terreno. Ritengo che prevenire sia meglio che curare, pertanto suggerisco di vigilare attraverso l’installazione di un sistema di videocamera per garantire e controllare al meglio ed assicurare alla giustizia i Signori Nzivati e Lordi che continuano impunemente a devastare l’ambiente.

Invito la Signoria Sua a prendere visione dalle immagini da me registrate che documentano lo stato attuale dei luoghi. Il video è disponibile sul mio profilo Facebook“. Così il consigliere, sentinella del territorio, che non perde occasione nel tentativo di combattere la . Riportiamo, qui di seguito, il link con cui sarà possibile visionare lo stato dei luoghi in discorso. Buona visione! CLICCA QUI

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su