Breaking News
Home / Cronaca / Dopo il party abusivo e la morte di un 68enne: oggi Capizzi è zona rossa
Dopo il party abusivo e la morte di un 68enne: oggi Capizzi è zona rossa

Dopo il party abusivo e la morte di un 68enne: oggi Capizzi è zona rossa

Dopo il party natalizio abusivo con oltre 150 partecipanti, in un locale di Nicosia, nell’Ennese, oggi a partire dalle ore 14, Capizzi è Zona rossa ci rimarrà fino alla mezzanotte di mercoledì 13 gennaio. A stabilirlo un’ordinanza del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, stabilità d’intesa con l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. Il provvedimento è stato emanato dopo aver visto una relazione dell’Asp ed aver sentito il sindaco del piccolo comune montano. Le disposizioni si sono rese necessarie a salvaguardia della salute pubblica e a contrasto della diffusione del virus, oltre a voler impedire nuovi eventi luttuosi. Le misure restrittive resteranno in vigore fino alla mezzanotte di mercoledì 13 gennaio.

Il sindaco di Capizzi, Leonardo Principato Trosso, in un appello alla cittadinanza apparso sulla pagina social del Comune, ieri aveva dato comunicazione della dichiarazione di Zona Rossa. “Che dio ci assista, raccomando massimo rispetto delle norme in maniera che a stretto giro torneremo più forti di prima“. Ben 58 i cittadini di Capizzi risultati positivi e altre 25 persone attendono i risultati dei tamponi. Il bollettino s’infittisce con l’ennesima vittima. Tra i positivi al Covid-19, un sessant’ottenne. L’uomo soffriva di una patologia cardiaca. Dopo il triste evento, il Primo cittadino: “Proprio oggi, nella prima giornata dell’anno abbiamo registrato l’ennesimo decesso per Covid all’interno della nostra comunità. Purtroppo le mie raccomandazioni, che vanno avanti da mesi, non hanno potuto evitare ciò che io paventavo negli ultimi appelli, seppur la situazione numerica dei contagi non destava alcuna preoccupazione, già intravedo l’ipotesi di numerosi positivi asintomatici“.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su