Breaking News
Home / Società / Economia / Nessun taglio al reddito di cittadinanza nonostante l’innalzamento Isee per il sussidio già percepito in precedenza
Nessun taglio al reddito di cittadinanza nonostante  l’innalzamento Isee per il sussidio già percepito in precedenza

Nessun taglio al reddito di cittadinanza nonostante l’innalzamento Isee per il sussidio già percepito in precedenza

Paura e apprensione per un articolo odierno, pubblicato da un sito di news, tra i percettori del reddito di cittadinanza.

La notizia metteva in risalto il pericolo che, i percettori del RdC nel 2019, avrebbero potuto ritrovarsi l’erogazione mensile ribassata a partire da febbraio 2021, a causa dell’innalzamento del valore dell’ISEE dovuto proprio al reddito già percepito in passato.

Cari lettori e percettori del reddito, rimanete pure tranquilli, in realtà le cose non stanno affatto cosi.

Essendo il RdC istituito grazie alla Legge 26/2019, la stessa che puntualizza un aspetto decisamente importante, e cioè che l’importo che i cittadini aventi diritto a questa misura percepiscono ogni mese “non fa reddito”.

Il RdC è esente dal pagamento dell’IRPEF ma deve essere obbligatoriamente indicato nell’ISEE, ma nel momento in cui si procede all’accertamento dei requisiti, l’ammontare del RdC percepito eventualmente incluso nell’ISEE deve essere sottratto, “rapportato al corrispondente parametro di scala di equivalenza”.

Quindi chiunque abbia percepito un RdC e abbia quindi un ISEE più elevato a causa di questo, non vedrà nessun decurtamento della mensilità.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su