Breaking News
Home / Società / Sanità / Saponara in aiuto al piccolo Luca, il bimbo affetto da atrofia muscolare di tipo 1
Saponara in aiuto al piccolo Luca, il bimbo affetto da atrofia muscolare di tipo 1

Saponara in aiuto al piccolo Luca, il bimbo affetto da atrofia muscolare di tipo 1

La solidarietà non si ferma e continua a concretizzarsi in provincia di Messina.
L’ Amministrazione Comunale di Saponara scende in campo coinvolgendo tutto il territorio con la distribuzione di salvadanai nelle attività commerciali dove, i concittadini, potranno lasciare il loro contributo in aiuto a Luca e ai suoi genitori. Lo rende noto il Primo Cittadino, Fabio Vinci, sul proprio profilo Facebook personale:

“L’ Amministrazione Comunale di Saponara scende in campo coinvolgendo tutto il territorio con la distribuzione di salvadanai nelle attività commerciali, dove i concittadini potranno lasciare il loro contributo in aiuto a Luca e ai suoi genitori.
Luca Sansone è un meraviglioso bimbo di quasi 6 anni di Milazzo affetto da atrofia muscolare spinale di tipo 1 (la sma più aggressiva) diagnosticata a 6 mesi di vita. Un vostro piccolo gesto può ridisegnare il futuro di un bambino. Confido nella generosità della mia comunità. Mettiamoci il cuore.”


Luca Sansone è un meraviglioso bimbo di quasi 6 anni di Milazzo, in provincia di Messina, affetto da atrofia muscolare spinale di tipo 1 (la sma più aggressiva) diagnosticata a 6 mesi di vita. Da allora mamma Melissa e papà Peppe hanno sempre confidato nella ricerca per una cura miracolosa ed, oggi, questa cura miracolosa che potrebbe ridisegnare il futuro per Luca si chiama Zolgensma. Ad oggi il farmaco è già stato approvato anche in diversi paesi europei tra cui la Germania con il limite massimo di 21 kg di peso ( il bimbo pesa 18 chilogrammi). In Italia viene somministrato solo ai bambini sotto i 6 mesi di vita e nonostante le varie riunioni dell’AIFA, ancora non si è riusciti ad adeguarci con gli altri Paesi Europei. Luca non può più attendere purtroppo, rischia di non rientrare più nei criteri previsti per l’efficacia del farmaco, per questo i genitori hanno deciso di aprire una raccolta fondi per portare il piccolo in Germania e somministrargli il zolgesma a pagamento ben 2.100.000 S, una grossa cifra ma, possibile da raggiungere con l’aiuto di tutti noi.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su