Breaking News
Home / Cronaca / A Spadafora salvadanai solidali per il piccolo Luca
A Spadafora salvadanai solidali per il piccolo Luca

A Spadafora salvadanai solidali per il piccolo Luca

Scatta la gara di solidarietà a Spadafora, in provincia di Messina, per il piccolo Luca il bimbo milazzese affetto da Sma di tipo 1.
Luca sta combattendo una dura battaglia insieme ai suoi meravigliosi genitori contro una malattia che ha sconvolto la loro esistenza. Esiste un farmaco Salvavita contro la Sma, si chiama Zolgensma. Questo farmaco salverebbe le vite di tanti bambini, ma… in Italia è somministrato ai bambini fino ai sei mesi.
Ad oggi il farmaco è già stato approvato anche in diversi paesi europei tra cui la Germania con il limite massimo di 21 kg di peso, è in un’unica soluzione, quindi si fa una volta nella vita ma il prezzo si aggira intorno ai due milioni di euro! Il comune di Spadafora scende in campo coinvolgendo tutto il territorio con la distribuzione di salvadanai nelle attività commerciali, dove i concittadini, potranno lasciare il loro contributo in aiuto a Luca e ai suoi genitori. Dare tutti un contributo che può significare vita, speranza e futuro per il piccolo Luca.

Luca Sansone è un meraviglioso bimbo di quasi 6 anni di Milazzo, in provincia di Messina, affetto da atrofia muscolare spinale di tipo 1 (la sma più aggressiva) diagnosticata a 6 mesi di vita. Da allora mamma Melissa e papà Peppe hanno sempre confidato nella ricerca per una cura miracolosa ed, oggi, questa cura miracolosa che potrebbe ridisegnare il futuro per Luca si chiama Zolgensma. Ad oggi il farmaco è già stato approvato anche in diversi paesi europei tra cui la Germania con il limite massimo di 21 kg di peso ( il bimbo pesa 17 chilogrammi). In Italia viene somministrato solo ai bambini sotto i 6 mesi di vita e nonostante le varie riunioni dell’AIFA, ancora non si è riusciti ad adeguarci con gli altri Paesi Europei. Luca non può più attendere purtroppo, rischia di non rientrare più nei criteri previsti per l’efficacia del farmaco, per questo i genitori hanno deciso di aprire una raccolta fondi per portare il piccolo in Germania e somministrargli il zolgesma a pagamento ben 2.100.000 S, una grossa cifra ma, possibile da raggiungere con l’aiuto di tutti noi.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su