Breaking News
Home / Cronaca / Inaugurato a Messina il 4° hub vaccinale in Sicilia
Inaugurato a Messina il 4° hub vaccinale in Sicilia

Inaugurato a Messina il 4° hub vaccinale in Sicilia

È pronto a partire l’Hub provinciale di Messina. Un’area di 1420 metri quadri all’interno del centro fieristico cittadino con 2 padiglioni (A e B) e 52 postazioni. È il quarto centro vaccinale regionale della Sicilia dopo quelli di Palermo, Catania e Siracusa. «Questa è l’occasione per rivalorizzare questa struttura, professionisti sanitari a vario titolo nei turni si struttureranno all’interno dell’Hub saranno circa 200». Lo ha detto il Commissario per l’Emergenza Covid di Messina, Alberto Firenze. Presente all’inaugurazione l’Assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza che così si è espresso in una lunga intervista alla stampa locale. «Tutte le Regioni abbiamo il dovere di attrezzarci e di farci trovare pronti dal punto di vista organizzativo. noi abbiamo scelto – perché il presidente Musumeci questo ha disposto – di creare da subito l’integrazione tra il sistema sanitario ed il sistema di protezione civile. La prossima settimana completeremo tutti e 9 gli Hub provinciali, saranno il valore aggiunto della campagna di vaccinazioni – dice annunciando – che da oggi prende il via in maniera importante sul segmento generazionale tra i 70 e i 79 anni. Dalle 14 di oggi sarà operativo il portale della Regione anche per la prenotazione di questa fascia generazionale. Quindi, vediamo una luce in fondo al tunnel. Speriamo che l’arrivo dei vaccini, costante verso marzo, aprile e maggio, ci consenta di rispettare questa tabella di marcia».

Quanto ai soggetti più fragili, l’Assessore ha detto: «C’è anzitutto un impegno, che è quello lì di fare il più presto possibile. Con i disabili gravissimi abbiamo già iniziato. Le persone più fragili non possono essere vaccinate con AstraZeneca per lo ro in questo momento sono autorizzati soltanto i vaccini Pfizer e Moderna e quindi la loro vaccinazione proseguirà insieme a quella degli Over 80. Se fossero autorizzati – sapete che domani Johnson&Johnson completerà l’autorizzazione all’ente regolatore europeo e poi dovrà arrivare l’autorizzazione di Aifa – se dovesse esservi anche la possibilità di questo ulteriore vaccino, è chiaro che per tutte le persone con le maggiori fragilità, si riuscirò a procedere ancora più velocemente». Si vocifera in merito ad un possibile rischio di “giallo rafforzato” per la Sicilia. «Il Governo nazionale sta valutando delle misure per Pasqua. – ha spiegato Razza – Io penso che il presidente abbia il desiderio di proteggere questa situazione di crescita graduale ma non repentina della curva che ci deve portare ad essere molto attenti soprattutto nel periodo delle festività pasquali quando i rientri in Sicilia saranno numerosi. Prima attenderemo le disposizioni del Governo nazionale in funzione di quelle decideremo se saranno necessari dei correttivi regionali».

Previsto un unico turno giornaliero di vaccinazione ai seguenti orari dalle 8:00 alle 14:00 e dalle 14:00 alle 20:00. Tra le possibili novità anche un nuovo turno. «Abbiamo un sogno nel cassetto – ha anticipato il commissario straordinario, Alberto Firenze – che è di immaginare, come primo Hub, di fare il turno notturno non so se ci riusciamo, è una iniziativa che stiamo programmando e speriamo nelle prossime ore di aggiornarvi anche su questa nuova opportunità“. Sarebbe, questo, un tassello importante per il raggiungimento della “normalità” tanto sperata da tutti e ambita ormai da troppo tempo. E alla domanda «Saremo tutti liberi a Pasqua?», l’Assessore regionale Razza ci va cauto: «La pandemia c’è ed è ancora insieme a noi».

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su