Breaking News
Home / Meteo e Ambiente / Ambiente / Il rigetto del TAR sulla richiesta di annullamento del bando di gara dell’impianto di Mazzarrà è un clamoroso falso
Il rigetto del TAR sulla richiesta di annullamento del bando di gara dell’impianto di Mazzarrà è un clamoroso falso

Il rigetto del TAR sulla richiesta di annullamento del bando di gara dell’impianto di Mazzarrà è un clamoroso falso

Una notizia inaspettata agita il mondo ambientalista siciliano impegnato da anni nella battaglia contro la realizzazione del polo impiantistico pubblico per il trattamento dei rifiuti in località Zuppà del Comune di Mazzarrà Sant’Andrea e su cui è pendente un ricorso al Tar.

Secondo alcune testate giornalistiche locali, che non riporterebbero le fonti, la seconda sezione staccata del Tribunale Amministrativo di Catania ha rigettato il ricorso del Comune di Furnari contro la SRR Messina Provincia, il comune di Mazzarrà Sant’Andrea, Tirreno Ambiente spa ed Asja Ambiente spa con cui si chiedeva l’annullamento del bando di gara e di tutti gli atti preliminari oltre all’affidamento.”

Peccato che la notizia sia clamorosamente falsa, arriva infatti immediata la smentita del sindaco di Furnari, Maurizio Crimi, che furioso annuncia denunce:

“Si apprende dagli organi di stampa che sui propositi di avvio del polo industriale per il trattamento dei rifiuti della SRR Messina Provincia, avverso i quali il Comune di Furnari, con atto di intervento dei cittadini furnesi, ha presentato impugnazione al Tar Catania, sia stato rigettato il ricorso giudiziario e che l’iter per il rilascio delle autorizzazioni da parte dell’Assessorato Territorio Ambiente segue il suo normale corso. Trattasi di una notizia assolutamente falsa. Il Tar Catania ha respinto la richiesta di sospensiva. Il giudizio d’impugnazione segue il suo normale corso e sarà trattato nel mese di novembre 2021. Tempistica che appare molto celere considerati i tempi biblici della giustizia amministrativa. Non solo tutto è ancora pendente, ma a seguito delle ultime difese formulate da Asja Ambiente nel giudizio dinanzi al TAR, sono prossime alla presentazione le denunce penali per l’accertamento di tutte le responsabilità connesse a questa incredibile vicenda. Intanto ilSindaco del Comune di Furnari ha richiesto di essere sentito dinanzi alla Commissione tecnica specializzata dell’Assessorato Ambiente e Territorio per far capire agli organi competenti quanto assurda sia la localizzazione dell’iniziativa intrapresa a ridosso del centro abitato di Furnari.”

A questo punto, confidando con assoluta certezza della buona fede delle testate giornalistiche coinvolte, resta da capire chi e perché abbia messa in giro strumentalmente questa notizia falsa.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su