Messina: “Mutuo con interessi usurari”, Unicredit condannata
Unicredit
Categoria: Economia / Tag:
11/12/2015 14:47:33

Il Tribunale di Messina ha condannato l’Unicredit a rimborsare a 24 proprietari di appartamenti in cooperativa le somme derivanti da un mutuo con interessi usurai.

La banca inoltre è stata condannata alla restituzione del denaro versato ed il pagamento delle spese legali oltre al risarcimento del danno.

L’avvocato Ernesto Fiorillo, presidente nazionale di Consumatori Associati spiega: “La nostra causa è durata dieci anni, ma finalmente abbiamo avuto ragione.La Banca dovrà azzerare ogni richiesta di denaro e restituire le somme che sono state pagate dai 24 proprietari per l’applicazione di interessi che hanno superato le soglia dell’usura”.

Fiorillo continua: “In questi anni abbiamo cercato in tutti i modi di dialogare con Unicredit, per consentire la liberazione degli appartamenti dalla ipoteca, ma ci è sempre stato opposto un netto rifiuto. Stiamo già preparando altre 24 cause contro la Banca perché, a causa della illegittima ipoteca, i proprietari non hanno potuto vendere le loro case che, nel frattempo, si sono svalutate.Stimiamo il danno in oltre tre milioni di euro e speriamo che, dopo questa clamorosa sconfitta, dovuta alla esemplare sentenza del Giudice Madia del Tribunale di Messina, l’Unicredit cancelli immediatamente la ipoteca e risarcisca il danno, senza obbligarci a sostenere altri dieci anni di causa perché in questo caso, di milioni di euro non ne pagherà tre ma molti di più”.

Consumatori Associati ha all’attivo decine di cause vinte contro le Banche per l’anatocismo e gli interessi usurari sui mutui e sui conti correnti, combattendo contro gli interessi usurari sui mutui e sui conti correnti, trasformando gli apparenti debiti in crediti grazie alle sentenze favorevoli.

Me7.it Redazione



0 Commenti


Per commentare gli articoli è necessario essere loggati alla Community messina7.it.
Inserisci i dati del tuo account o, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati qui.




COMMENTI