Home / Cultura / Miccichè su archivio storico Ars: “Percorsi espositivi per riscoprire origini Autonomia statutaria”
Miccichè su archivio storico Ars: “Percorsi espositivi per riscoprire origini Autonomia statutaria”

Miccichè su archivio storico Ars: “Percorsi espositivi per riscoprire origini Autonomia statutaria”

Un viaggio lungo 34 anni alla scoperta dei “cimeli” parlamentari dell’Assemblea regionale siciliana, dal verbale della prima seduta redatto il 25 maggio 1947, fino ad arrivare alle leggi e alle interpellanze del 1981.

È questa la “proposta turistica” dell’archivio storico dell’Ars, situato presso la chiesa dei santi Elena e Costantino, a Palermo, ed inaugurato nel 2007 in occasione del 60esimo anniversario dello Statuto siciliano. Qui sono infatti custoditi centinaia di atti parlamentari originali che attestano l’attività svolta dal Parlamento siciliano dal 1947 (I legislatura) al 1981 (VIII legislatura).

Trentaquattro anni di documenti che, esperti catalogatori della Sovrintendenza dei Beni culturali, con un lavoro certosino, stanno ordinando e inventariando, grazie ad un protocollo d’intesa firmato dall’Ars con la Sovrintendenza Archivistica per la Sicilia.

L’elenco dei documenti e delle voci che compongono “l’albero archivistico” è stato recentemente messo a disposizione di tutti, storici e non solo, sul sito web dell’Ars attraverso una finestra di ricerca per legislatura, materia, soggetto, nonché per parola.

Un’operazione di fruibilità del patrimonio legislativo e amministrativo dell’Assemblea regionale sostenuta già nel 2007 dal presidente Miccichè, che a seguito di una recente visita ha dichiarato: “Vogliamo valorizzare questo patrimonio, anche mediante appositi percorsi espositivi, consentendone la massima fruizione, al fine di rivitalizzare la memoria storica del Parlamento più antico d’Europa”.

Il nostro obiettivo – ha aggiunto infine – è dare ai siciliani la possibilità di avvicinarsi alle Istituzioni e riscoprire le origini dell’Autonomia statutaria, affinché i cittadini diano un contributo di idee per adeguare la Carta statutaria ai tempi attuali”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su