Home / Società / Sanità / Campus “Tiroide è Energia”: oggi e domani controllo gratuito della tiroide per gli under 25
Campus “Tiroide è Energia”: oggi e domani controllo gratuito della tiroide per gli under 25

Campus “Tiroide è Energia”: oggi e domani controllo gratuito della tiroide per gli under 25

Al via quest’oggi il Campus “Tiroide è Energia“, organizzato dall’Università di Messina e dall’A.O.U. Policlinico “G. Martino” che fino a domani, 25 maggio, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, sarà allestito nel cortile dell’Ateneo, nell’ambito delle iniziative per la Settimana Mondiale della Tiroide 2018.

Le attività sono dedicate ai bambini e ai giovani fino a 25 anni di età e, nell’arco dei due giorni di attività, ai ragazzi che si presenteranno al desk di accettazione del campus con un documento di riconoscimento, sarà offerto un controllo gratuito della tiroide, con ecografia e valutazione endocrinologica.

L’evento sarà ulteriormente animato da attività sportive organizzate parallelamente dal Corso di Studi in Scienze Motorie, Sport e Salute dell’Università di Messina, dal CUS Unime e dal CONI.

Si tratta di Iniziative preventive importanti dato che la tiroide contribuisce allo sviluppo neuropsichico, all’accrescimento somatico nell’età evolutiva, al buon funzionamento del cuore e dell’apparato locomotore, oltre che al mantenimento dell’omeostasi energetica.

Noduli tiroidei vengono diagnosticati nel 50% della popolazione generale, mentre una riduzione della funzione tiroidea o una eccessiva secrezione ormonale si verificano rispettivamente nel 10% e nel 2-3%.

All’ideazione del campus hanno collaborato in sinergia Campus Salute ONLUS, il Comune di Messina, il Dipartimento di Protezione Civile Regionale Sicilia e associazioni di volontariato.

La manifestazione è coordinata dall’UOC di Endocrinologia dell’A.O.U. Policlinico “G. Martino”. Le iniziative di screening coordinate da quest’ultima sono le uniche ufficialmente riconosciute nell’ambito della Settimana Mondiale della Tiroide a Messina.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su