Home / Cronaca / Omicidio Cutè: la Polizia individua i responsabili, si tratta dei fratelli Minardi
Omicidio Cutè: la Polizia individua i responsabili, si tratta dei fratelli Minardi

Omicidio Cutè: la Polizia individua i responsabili, si tratta dei fratelli Minardi

Nella giornata di ieri, la Squadra Mobile di Messina ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dei fratelli ergastolani Giuseppe Minardi (inteso “Peppe u Tarantinu”) e Giovanni Minardi (detto Giampiero) ritenuti responsabili del delitto di omicidio, commesso a Messina il 25 gennaio del 2000, ai danni di Domenico Cutè, nato a Messina il 23.03.1958 (detto “U Sauru”).

L’ordinanza costituisce l’esito di attività investigativa, espletata dalla Squadra Mobile di Messina, sotto la direzione della Procura Distrettuale della Repubblica, diretta dal Procuratore Dott. Maurizio de Lucia, attraverso il riscontro delle dichiarazioni rese da plurimi collaboratori di giustizia, che ha condotto al deferimento all’autortità giudiziaria dei fratelli ritenuti responsabili di avere ordinato ed eseguito materialmente l’omicidio, nel rione Giostra di Messina, mediante l’esplosione di tre colpi d’arma da fuoco, sparati con un fucile da caccia: fatto aggravato dal metodo mafioso.

L’assassinio di Cutè – soggetto radicato negli ambienti del rione Giostra e legato da vincoli parentali diretti con Giuseppe Gatto (detto Puccio), al tempo reggente della congrega mafiosa operante in quel rione cittadino, nonché luogotenente del boss ergastolano irriducibile Luigi Galli (l’unico dei vecchi capi mafia di Messina a non intraprendere la collaborazione con la Giustizia) – risulta eseguito materialmente da Giovanni Minardi (detto Giampiero), su ordine del fratello Giuseppe Minardi, in conseguenza di pretese delazioni che la vittima avrebbe reso alla Polizia di Stato, a carico di Stefano Marchese (nato a Messina il 4.10.1977), esponente della locale criminalità organizzata legato a Giuseppe Minardi, oltre che da vincoli criminali, da un rapporto di amicizia personale, rafforzatasi anche all’interno delle mura carcerarie in periodi di codetenzione (egli venne poi ucciso da Gaetano Barbera e Salvatore Irrera il 18 febbraio 2005, a seguito dei contrasti sorti proprio fra Minardi e Barbera, come emerso nelle attività investigative esperite sull’omicidio).

Le dichiarazioni accusatorie del Cutè riguardavano l’autore di altro omicidio (quello del salumiere Giovanni Postorino, ucciso nel corso di una rapina commessa a Messina il 24 gennaio 1994) ed erano finalizzate a scagionare il proprio figlio Natale Antonino Cutè, fermato nell’immediatezza del delitto e poi effettivamente rilasciato.

Un quartiere complicato quello nel quale si consumava l’omicidio, oggetto da tempo di efferati delitti da parte di soggetti legati alla criminalità organizzata desiderosi di affermare la propria supremazia ed il proprio controllo sul territorio.

Oggi, grazie al lavoro d’indagine dei poliziotti della Squadra Mobile, coordinati dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Messina, i responsabili dell’omicidio Cutè hanno un nome e un cognome. Un’azione, quella dei germani, programmata accuratamente e perseguita nel tempo nonostante i vari tentativi fatti non fossero andati a buon fine. Le ragioni dell’omicidio sono da ricercarsi nella violazione, da parte della vittima, del codice mafioso che imponeva l’omertà.

Una storia criminale degna della caratura e dello spessore acquisito nel tempo dai due fratelli Minardi conseguentemente ai numerosi e gravi reati consumati alla quale gli investigatori hanno aggiunto un ulteriore ed importante tassello.

L’ordinanza di custodia è stata notificata a Giuseppe Minardi presso il carcere di Sulmona (Aq), mentre a Giovanni Mianrdi è stata notificata presso il carcere di Spoleto (Pg), dove si trovavano ristretti.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su