Home / Sport / Calcio / Ronaldo si Messi no
Ronaldo si Messi no

Ronaldo si Messi no

Si sta giocando soltanto la prima giornata del torneo mondiale è già i verdetti e le analisi delle partite e le valutazioni sui calciatori rimbalzano in tutte le testate giornalistiche, televisioni, radio e social.

Gli appassionati del calcio, nonostante l’assenza della nostra amata Italia, sono catturati dalle sfide che si susseguono nei pomeriggi di giugno e fino al 15 luglio tutti a trovare spunti da analizzare, quando finalmente conosceremo la nazionale che salirà sul tetto del mondo calcistico.

Ronaldo e Messi sono i  giocatori che negli ultimi anni hanno dimostrato di essere i grandi protagonisti del calcio e di fare realmente la differenza quando toccano il pallone.

Ronaldo ha conquistato ben 5 palloni d’oro contro i quattro di Messi e sarebbe bello vederli giocare nello stesso club, sicuramente un sogno, ma ci pensate che spettacolo sarebbe?

Nella prima partita Ronaldo, fresco vincitore della Champions Legea, si è presentato segnando tre gol alla Spagna: uno su rigore, una papera del portiere e un calcio di punizione da vedere e rivedere. In poche parole un uomo in più che vuole portare alla vittoria il suo Portogallo, già campione d’Europa.

Messi è sembrato fuori dagli schemi di Jorge Sanpaoli, mister poco amato in Argentina, e nella prima uscita non ha brillato sbagliando anche un rigore e rendendo celebre il portiere islandese Hannes Þór Halldórsson. Vista la mediocre prestazione gli allenatori da solotto vorrebbero affiancargli lo juventino Dybala, altri puntatno il dito su una difesa non all’altezza o sul centrocampo dove il solo Biglia non regge l’urto degli avversari. Poi quando il Messi mondiale sbaglia qualcosa le immagini vanno in tribuna ad inquadrare quel Maradona che fa parlare sempre di se.

Portogallo e Argentina hanno entrambi pareggiato, ma già si parla di un Argentina in crisi e di un Portogallo in corsa per il passaggio del turno.

Per Alessandro Tacchini, giornalista e scrittore, intervenuto a Momenti in Radio su Radio Milazzo, sarà il mondiale delle sorprese con Belgio, Croazia e Serbia che potranno coronare un sogno.

Mentre per Alessandro Scanziani, stella dell’Inter e Sampdoria degli anni 80′, in semifinale saranno le solite note a giocarsi i due posti utili per sognare la Coppa del Mondo. La Germania e la sua fisicità, l’estro e la tecnica del Brasile, il tiki taka della Spagna e per la quarta squadra dito puntato su Portogallo e Russia.

…Chi vivrà vedrà!!! Intanto buon mondiale a tutti!!!

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su