Home / Cultura / Arte e Libri / Messina, “Altra vita”: omosessualità, sentimenti e lavoro
Messina, “Altra vita”: omosessualità, sentimenti e lavoro

Messina, “Altra vita”: omosessualità, sentimenti e lavoro

Un intreccio di sentimenti, emozioni in senso lato, amicizie vere, sincere, che si perdono nella notte dei tempi. E, poi, ancora complicità, omosessualità, tutti i problemi delle giornate lavorative nell’ambiente ospedaliero, difficoltà oggettive e quotidiane, comprensibili appieno solo da chi le vive dall’interno.

Protagonisti sono Pierpaolo Malaspina, giudice milanese, che lavora in Sicilia su cause perditempo; Chiara Brigandì, alla sua prima consulenza.

L’ultima causa del giudice Malaspina ha ad oggetto l’attribuzione di paternità di un imprenditore deceduto. Dopo il rifiuto ricevuto da tutti i CTU, ottiene l’adesione della dott.ssa Chiara Brigandì.

Chiara contatta spesso Pierpaolo, che la considera una “piaga“, un’ “imbranata“. Una sera, i due si incontrano per motivi di lavoro e il giudice si ricrede sul conto di Chiara: non è affatto una scocciatura.

Il romanzo sarà presentato giorno 7, alle ore 19:00, presso la splendida location del “Lido Club Octopus”. Introdurrà il blogger messinese, Marco Schifilliti; l’autrice dialogherà con Pietro Genovese, collaboratore giornalistico.

Tiziana Russo nasce a Messina, nel 1982 e cresce con la passione per la lettura e la scrittura. Attualmente lavora a Milano, dove risiede. Si specializza in Chirurgia Pediatrica, nel febbraio 2017, e consegue il Dottorato di Ricerca in Biotecnologie Mediche e Chirurgiche. Nel maggio 2018, il romanzo d’esordio “Un’altra vita”.

Lascia un commento

Torna su