Home / Cultura / Arte e Libri / Curiosità storiche del Castello di Milazzo
Curiosità storiche del Castello di Milazzo

Curiosità storiche del Castello di Milazzo

Il Castello, monumento nazionale, erge sul paesaggio di Milazzo, alla sommità dell’antico Borgo. Con una superficie di oltre 12.070 mq, coperti da fabbricati, riveste una notevole importanza, che ha le sue radici storiche, addirittura, risalenti alla seconda età della pietra.

Già dalla preistoria, il promontorio, ha attirato a sé antichi gruppi di popolazioni. Trattasi delle prime e rudimentali fortificazioni, appartenenti al neolitico (4000 a. C. circa). Successivamente, intorno al VII-VI secolo a. C., con la presenza dei primi colonizzatori greci, l’agglomerato si ingrandì. Pertanto, l’acropoli, (città fortificata) , assunse un nuovo aspetto, assumendo pian piano sempre più importanza nel circondario, attraverso il castrum, (castello), romano bizantino.

Furono, però, gli Arabi, i nuovi conquistatori orientali, che, dopo l’anno 843, (presumibilmente agli inizi del nuovo secolo) diedero vita al primo nucleo, alla parte più antica, dell’attuale Castello.
Più avanti Normanni e Svevi edificarono nuove strutture, gli Aragonesi ne adeguarono l’impianto difesivo, mentre gli Spagnoli diedero le dimensioni di una Cittadella .

Da allora, il Castello di Milazzo, assume la sua completa e definitiva struttura, giunta tale, sino a noi.

Lascia un commento

Torna su