Home / Cultura / Unime: il progetto “ArgiNare” si aggiudica la Start Cup Competition 2018
Unime: il progetto “ArgiNare” si aggiudica la Start Cup Competition 2018

Unime: il progetto “ArgiNare” si aggiudica la Start Cup Competition 2018

Si è svolta questo pomeriggio, nella Sala dell’Accademia dei Pericolanti dell’Ateneo messinese, la finale della Start Cup Unime Competition edizione 2018. Obiettivi dell’evento, promosso dal TTO (Technology Transfer Office) dell’Università di Messina, sostenere la ricerca applicata e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico, oltre che diffondere la cultura d’impresa nel territorio, favorendo il dialogo tra mondo accademico e sistema produttivo.

Si tratta di un’iniziativa propedeutica alla partecipazione al Premio Nazionale per l’Innovazione organizzato dalla Società PNI Cube.
La gara, rivolta, a soggetti con progetti innovativi commercializzabili, per lo sviluppo delle quali i proponenti aspirano a costituire un’impresa, anche a carattere di spin–off, rappresenta il connubio fra panorama accademico e giovanile e tessuto sociale ed economico.

“Mi piace – ha commentato la prof.ssa Baglieri, Prorettore per il trasferimento tecnologico presso l’Università di Messina – poter constatare la varietà compositiva della sala in cui ci troviamo. La Start Cup Unime Competition 2018 vede il coinvolgimento di interi Dipartimenti, studenti internazionali e soprattutto tanti giovani”

“Quest’iniziativa – ha proseguito la professoressa – ci dà modo di creare un linguaggio capace di dialogare in maniera virtuosa con il tessuto sociale ed il mondo delle idee. Tutto ciò rappresenta un’importante leva attraverso cui è possibile mantenere sul territorio i nostri laureati, i nostri ricercatori”.

Ad aggiudicarsi la Start Cup Unime Competition 2018 è stato il progetto “ArgiNaRe”, che mira al recupero dei materiali ibridi multifunzionali, per il risanamento e la bonifica ambientale, mediante processi eco-sostenibili basati sull’uso di una argilla modificata non inquinante da proporre sotto forma di polveri o tessuti.
Il team di progettisti è composto da Giulia Rando, Maria Rosaria Plutino, Giuseppe Sabatino e Simone Cappello.

“Spring Box” (progetto di ingegneria per le officine metalmeccaniche) e “H&Ci-ti-Sss” (piattaforma per fruitori di beni culturali) sono, rispettivamente, giunti al secondo e terzo posto. Il trio di progetti sul podio potrà, così, approdare alla competizione regionale “Start Cup Sicilia 2018” di Palermo.
Le idee di impresa che risulteranno vincitrici della tappa regionale, infine, parteciperanno alla fase finale organizzata dall’Associazione PNI Cube: il Premio Nazionale per l’Innovazione 2018.

Nel complesso i 9 progetti presentati sono stati valutati da una giuria composta dal Prorettore alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico,prof.ssa Daniela Baglieri; dal Direttore Dipartimento di Ingegneria, prof.ssa Candida Milone e dall’Ordinario del Dipartimento di Economia, prof. Antonio Del Pozzo.
Alla prima classificata un premio pari ad 8 mila euro per la creazione dell’impresa.

In qualità di progetto vincitore, “ArgiNaRe”, prenderà parte alla “International Start Cup RESUME” che si svolgerà domani, 14 settembre, alle 14:30, presso l’Aula Magna di Ateneo. Tale competizione è promossa nell’ambito del progetto internazionale RESUME.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su