Home / Cronaca / Barcellona, centro abusivo di rottamazione: 3 denunce e 11 auto sequestrate
Barcellona, centro abusivo di rottamazione: 3 denunce e 11 auto sequestrate

Barcellona, centro abusivo di rottamazione: 3 denunce e 11 auto sequestrate

Centri di raccolta e demolizione di veicoli sono stati, nei giorni scorsi, sottoposti ai controlli straordinari dei poliziotti del Distaccamento di Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto.

Scoperto, a Barcellona P.G., un centro abusivo di rottamazione veicoli, dove, senza autorizzazioni, si realizzava la raccolta di veicoli da conferire successivamente a due centri di Catania, nel mancato rispetto delle misure necessarie previste per il tipo di rifiuto, con evidenti rischi per la salute pubblica.

Gli accertamenti hanno fatto emergere che 11 automobili, consegnate da privati, erano state demolite e cancellate dal P.R.A. (pubblico registro automobilistico), mentre in realtà erano parcheggiate nel cortile e destinate alla rottamazione.

Le indagini hanno permesso di rilevare i certificati di rottamazione rilasciati ai proprietari dei mezzi, nei quali era scritto che le auto si trovavano già nei centri autorizzati alla rottamazione.

Tuttavia, le autovetture invece di essere conferite presso i centri autorizzati, in difformità rispetto a quanto previsto e certificato, venivano trattenute dalla società barcellonese per poter utilizzare e rivenderne i pezzi di ricambio.

Sequestro penale eseguito, ad opera degli agenti della Polstrada, delle undici autovetture e di tutta la documentazione cartacea.

Inoltre, sono state deferite all’Autorità Giudiziaria i legali, rappresentanti dei centri di raccolta e rottamazione di Catania, nonché l’amministratore della società barcellonese che fungeva da tramite, destinatario di sanzioni per migliaia di euro.

L’amministratore è stato denunciato per aver abusivamente svolto l’attività contestatagli e per non aver adottato tutte le cautele previste per mettere in sicurezza i veicoli oggetto del sequestro.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su