Home / Cronaca / Nuovo piano trasporti ATM: tutti i dettagli
Nuovo piano trasporti ATM: tutti i dettagli

Nuovo piano trasporti ATM: tutti i dettagli

Si è tenuta questa mattina, a Palazzo Zanca, la conferenza stampa di presentazione del nuovo piano dei trasporti varato da ATM. Presenti il sindaco Cateno De Luca, il vicesindaco e assessore alla Mobilità Salvatore Mondello e il presidente di ATM Giuseppe Campagna.

In apertura De Luca ha ribadito il proprio giudizio negativo rispetto alla precedente gestione economica di ATM, sostenendo che dal 2012 al 2017 sarebbero stati prodotti debiti per 33 milioni di euro e contenziosi con l’Agenzia delle Entrate per oltre 16 milioni di euro. L’Azienda – ha dichiarato il sindaco – ha affrontato costi che non poteva permettersi e che si poteva tranquillamente evitare. Il nostro obiettivo è arrivare all’avvio di un percorso compatibile con mezzi, risorse e personale disponibili”.

Successivamente, il vicesindaco Mondello ha illustrato più nel dettaglio le caratteristiche del nuovo piano di ATM, che prevede la realizzazione di un collegamento a “pettine” dai vari villaggi alle due litoranee, nord e sud, con un servizio navetta ad alta frequenza verso il centro città. L’elemento centrale del progetto è costituito dalla dorsale principale (lo Shuttle) che ricalcherà i tragitti delle linee 2 e 79 per un totale di 30 km da nord a sud ed un tempo di percorrenza stimato per l’intero tratto di circa 100/110 minuti.
Su questa stessa direttrice, inoltre, è previsto un aumento della frequenza dei bus per garantire efficienza ed appetibilità all’utenza. In proposito, nella prima fase, vi saranno 10 bus che dovrebbero consentire di poter contare su una corsa ogni 20 minuti.

Per quanto riguarda le linee in partenza dai villaggi e dalle periferie, saranno servite da bus non più diretti alla stazione Centrale (Cavallotti), ma alle intersezioni con la dorsale principale con la quale, tramite scalo, proseguire il viaggio.
Tale sistema sarà inoltre integrato da dieci mini-stazioni con i relativi parcheggi di interscambio e dotate di punto ristoro.

Questo è il primo step di un ragionamento complessivo – ha commentato Mondello – e come ha già evidenziato il Sindaco è il miglior programma possibile in termini di risorse, mezzi e persone“.

Mediante l’adozione del nuovo piano – ha aggiunto Giuseppe Campagna, presidente di ATM – sarà quindi possibile ridurre il numero di autobus oggi circolanti in città, spesso sovrapposti e sottoutilizzati, avendo come prima conseguenza positiva una depressurizzazione del centro città a vantaggio di un traffico meno congestionato. Inoltre la nuova progettazione porterà un notevole incremento delle frequenze in quasi tutte le linee oggi in servizio“.

I criteri indicati per raggiungere tali obiettivi saranno: disattivare le linee di bus non frequentate dai viaggiatori, i cosiddetti “rami secchi”; riallocare le risorse, in termini sia di mezzi che di personale, dove è maggiore il numero di viaggiatori trasportati; potenziare i collegamenti principali diretti verso il centro; regolarizzare le linee esistenti per renderle più affidabili in termini di puntualità e regolarità; favorire l’interscambio tra i servizi quali la metroferrovia.

In merito al progetto dei bus elettrici il nuovo piano bus tiene conto della volontà dell’Amministrazione di dotarsi di una nuova linea cittadina legata alla messa in esercizio dei 13 bus elettrici appena acquistati il cui arrivo è previsto per il mese di novembre.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su