Home / Politica / Messina, risanamento: il commissario del Governo potrebbe essere Bertolaso
Messina, risanamento: il commissario del Governo potrebbe essere Bertolaso

Messina, risanamento: il commissario del Governo potrebbe essere Bertolaso

Mentre si attende la pronuncia ufficiale da parte del Governo nazionale in merito all’accoglimento o al respingimento della dichiarazione di stato di emergenza, proposta dal sindaco Cateno de Luca ed approvata dalla Giunta Musumeci, corre voce che, in caso di esito positivo, il commissario governativo designato potrebbe essere Guido Bertolaso. Pare inoltre che sia stato proprio il presidente Musumeci a dichiarare il proprio assenso alla sua nomina.

Soprannominato “l’uomo delle crisi”, in passato ha svolto incarichi che vanno da capo della Protezione Civile, a commissario straordinario per la crisi dei rifiuti in Campania e per il terremoto in Abruzzo.

Bertolaso non è del tutto estraneo alle vicende messinesi e se dovesse ritornare in città dovrebbe sobbarcarsi il doppio onere di svolgere l’incarico assegnatogli dal governo, da un lato, e riconquistare la benevolenza dei cittadini, dall’altro.
All’epoca dell’alluvione di Giampilieri e Scaletta infatti, quando era a capo della Protezione Civile, quest’ultimo fece delle dichiarazioni improprie segnalando come causa di tutte le problematiche l’abusivismo edilizio. Fattore escluso da successivi approfondimenti per l’area di Giampilieri e che, per quanto riguardava le aree limitrofe, ebbe delle concause non trascurabili. Cosa peggiore però fu l’effetto che queste dichiarazioni ebbero sull’opinione , tale da pregiudicare, in parte, la macchina della solidarietà.

Nei prossimi giorni, intanto, giungeranno in città i tecnici del Dipartimento della Protezione Civile incaricati di verificare le criticità descritte nelle relazioni allegate alla delibera dello stato di emergenza, con particolare riferimento a quelle dell’Asp e dell’Arpa Sicilia. Sotto la lente d’ingrandimento il tema delle condizioni igienico-sanitarie e della presenza diffusa di amianto nelle coperture delle baracche presenti nei luoghi oggetto dell’ordinanza di sgombero e demolizione.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su