Home / Politica / De Luca testa lo shuttle: “Così non funziona come non funzionava prima!”
De Luca testa lo shuttle: “Così non funziona come non funzionava prima!”

De Luca testa lo shuttle: “Così non funziona come non funzionava prima!”

Nella mattinata di oggi il sindaco De Luca, nell’intento di verificare personalmente le criticità da più parti evidenziate rispetto all’attuale configurazione del percorso dello “Shuttle”, ha deciso di saltare su una moto della Polizia Municipale per seguirlo, prima, e di salirci a bordo per nel tratto tra Giampilieri e la sede ATM, poi.

Voglio verificare se certe voci sono leggende metropolitane, se ci sono errori risolvibili oppure situazioni insormontabili”, commenta in uno dei suoi immancabili post Facebook.

Dopo due ore però il responso è decisamente negativo, solo per quanto riguarda il tratto tra Giampilieri e la sede ATM il ritardo accumulato è stato di 33 minuti, e arriva la definitiva presa di coscienza del sindaco: “Così non funziona come non funzionava prima!

Da questa ricognizione è emerso però un dato. È il tratto di statale tra CEP e Minissale a presentare le maggiori criticità in termini di ingorghi e rallentamenti. Sulla questione ha anche raccolto dei suggerimenti da parte degli utenti che possono essere così riassunti: prevedere delle corse che comprendano un tratto di autostrada da Tremestieri o San Filippo con uscita al centro; Istituire il senso unico da sud a nord nel tratto di via Marco Polo da Contesse a Minissale con l’uscita dello Shuttle in Largo La Rosa.

Finito il giro di ricognizione si è tenuta una riunione con le parti interessate per individuare ed applicare soluzioni a questo problema. Questo il responso da parte del sindaco: “Abbiamo preso atto di alcuni errori di valutazione a seguito del viaggio di stamani ed abbiamo deciso di mettere in campo, da sabato 13 ottobre, alcuni correttivi che ruotano attorno alla soluzione proposta dall’ispettore Capo della polizia municipale di Messina Domenico Caminiti”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su