Home / Società / Messina, lo Shuttle ritarda? Si rimedierà così
Messina, lo Shuttle ritarda? Si rimedierà così

Messina, lo Shuttle ritarda? Si rimedierà così

Troppi i ritardi alle fermate, urge rimediare ai tanti ritardi, anche notevoli, arrecati alla popolazione.

Tra le soluzioni prospettate, due appaiono opinabili ma maggiormente fattibili.

La prima alternativa consisterebbe nell’applicare il senso unico di marcia in direzione Sud-Nord in via Marco Polo, nel tratto della Strada Statale compreso tra il CEP e Minissale. In questo caso, lo Shuttle dovrebbe uscire in largo La Rosa.

La seconda strategia prevederebbe quale tragitto la percorrenza di un tratto autostradale. Lo Shuttle dovrebbe, dunque, entrare in autostrada da Tremestieri o San Filippo per uscirvi al Centro.

Palazzo Zanca sembra incline alla seconda delle due ipotesi. Tuttavia, da questa attuazione scaturirebbe una consequenziale perdita di fermate.

Sul punto, il Presidente dell’ATM, Giuseppe Campagna: “Riteniamo che ogni critica o suggerimento sul nuovo piano delle linee degli autobus non possa prescindere dalla problematica situazione finanziaria in cui versa l’ATM. Ormai tale considerazione sembra appartenere anche ai più incalliti sostenitori della precedente gestione, seppure con tutte le riserve sulla consistenza dei debiti di quella Azienda che andranno ulteriormente chiariti in altra sede.”

“Oggi va ribadito che l’attuale piano delle linee è l’unico – ed a nostro avviso il migliore – che questa città, giunta sull’orlo del dissesto finanziario, possa permettersi. È ovvio che operando senza limiti di spesa e continuando ad immettere ulteriori autisti sarebbe risultato facile a chiunque garantire più mezzi e più corse.”

“Rimane il fatto che il traffico urbano nelle ore di punta non diminuisce, ma semmai aumenta, incrementando il numero di mezzi in strada. E ciò non permetterebbe certamente di ridurre i tempi di percorrenza. Senza dubbio quest’Amministrazione ed il management ATM intendono mantenere l’impegno ad assicurare sulla Linea 1 (Shuttle) i tempi di percorrenza programmati senza eccessivi ritardi e, soprattutto, minori attese alle fermate.”

“A tal fine, si sta provvedendo al suo potenziamento con ulteriori mezzi negli orari di punta ed in particolare nella fascia oraria che va dalle ore 7 alle 8:30. Ed inoltre, si stanno approntando alcuni primi interventi sui nodi critici della viabilità con particolare riferimento alla zona sud.”

“Fluidificare il traffico – dice – in direzione Sud–Nord nelle prime ore della giornata è, infatti, l’unico modo per assicurare il rispetto degli orari di qualunque piano delle linee a prescindere dalla quantità di uomini e mezzi messi in strada.”

“Il resto – dice, avviandosi alla conclusione – appartiene alla eterna contesa tra i difensori di interessi particolari (lavoratori ATM, automobilisti, commercianti, ambulanti, etc.), che da sempre in questa città rende difficile l’attuazione di ogni nuovo piano viabile.”

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su