Home / Cultura / Little Babies Italia 2018: gran finale al Teatro Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella
Little Babies Italia 2018: gran finale al Teatro Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella

Little Babies Italia 2018: gran finale al Teatro Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella

Termina con la vittoria dei piccoli Filippo Miano e Sofia Puliafito, la stagione del concorso dedicato ai bambini Little Babies Italia 2018.

Il concorso dedicato ai bambini, diretto da Padre Stefano Messina, ha esaltato la bellezza ed il talento dei più piccini che, ogni anno, diventano sempre più numerosi.

La serata, con inizio alle 20:30, è stata brillantemente condotta da Francesco Anania, bravissimo padrone di casa, accompagnato dal suo coinvolgente staff, presso il Teatro Oratorio Giovanni Paolo II di Olivarella.

Trenta i bambini selezionati per la finale durante la stagione, guidati dalle coreografie di Monica, Mara e Gabriella, oltre a sfilare i meravigliosi abiti Overchids Barcellona Pozzo di Gotto, hanno dimostrato tutto il loro talento ballando, cantando e suonando. Un pool di artisti in erba ha dato filo da torcere alla giuria, attenta nella valutazione dei baby talent.

Tanti gli ospiti saliti sul prestigioso palco. Hanno sflilato i Ragazzi Speciali del Gruppo Lab di Olivarella, conosciuti dal pubblico per la presentazione del loro secondo disco, i ragazzi dell’AIPD – Associazione Italiana Persone Down — Milazzo e Messina, presieduta da Roberto Caizzone.

Per il ballo presente la scuola “Balli sotto la luna” di Barcellona Pozzo di Gotto. Per il canto Gabriella Bisignano e il piccolissimo Emanuele Pasqua di soli quattro anni, ha divertito e stupito il pubblico con le sue performance musicali.

Vincitori di Little Babies Italia 2018 Filippo Miano, Sofia Puliafito. Si aggiudica il premio bontà, Martina Maio, il premio On Air Radio Milazzo Morena Salvato, il premio Viso TV Antenna del Mediterraneo Melissa Siciliani, il premio Eleganza Serena Deodato, il premio Sorriso Cartoleria Scilipoti Gaia Sottile, il premio Simpatia Dara Gitto è, infine premio Different Giada Bucca.

Tanta la partecipazione, l’entusiasmo, “l’emozione nascosta dal sorriso”, di grandi piccoli talenti e dei loro genitori, pronti ad accompagnare i loro figli lungo un “giardino vestito di giochi, colori e divertimento” per esplorare nuovi mondi, mettersi in gioco e aprire una nuova “finestra sul mondo”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su