Home / Cronaca / Barcellona P.G.: scoperto dalle Fiamme Gialle un centro scommesse non autorizzato
Barcellona P.G.: scoperto dalle Fiamme Gialle un centro scommesse non autorizzato

Barcellona P.G.: scoperto dalle Fiamme Gialle un centro scommesse non autorizzato

Nel corso di un servizio volto a contrastare il gioco illegale, i finanzieri della Tenenza di Barcellona Pozzo di Gotto hanno scoperto un centro scommesse abusivo.

L’operazione ha consentito di portare alla luce l’attività illegale svolta dall’esercizio commerciale che apparentemente in regola; in realtà però era privo di ogni licenza autorizzativa e concessione di gioco che gli permettesse la regolare raccolta delle scommesse.

Nel corso degli accertamenti condotti all’interno, è stata trovata  apparecchiatura tecnica costituita da PC e stampanti termiche nonché numerose ricevute di gioco attestanti la condotta ipotizzata di abusiva raccolta di scommesse.

All’atto dell’accesso, inoltre, è stato trovato, intento a giocare ad uno dei PC presenti, un minore. Un altro veniva bloccato successivamente mentre tentava di accedere. Per questo motivo, il titolare è stato oggetto di una sanzione amministrativa da 5 a 20.000 euro.

Fondamentale si è rivelata l’analisi tecnica delle postazioni di gioco, svolta anche con l’ausilio tecnico di funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Messina, che ha permesso di rilevare collegamenti diretti a piattaforme di gioco online e la cronologia delle scommesse effettuate, dimostrando così che l’esercente aveva predisposto le apparecchiature, connesse alla rete telematica, per consentire ai clienti di scommettere e giocare su piattaforme di soggetti privi di qualsiasi titolo concessorio.

Sono state tre le persone denunciate alla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto per esercizio abusivo di gioco e scommesse, reato che prevede la pena della reclusione da sei mesi a tre anni.

Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative pecuniarie per oltre 250mila euro e sottoposto a sequestro l’immobile costituente il centro scommesse e l’apparecchiatura rinvenuta.

L’operazione rientra nell’ambito di una più ampia e costante attività di contrasto al gioco irregolare e illegale, volta a prevenire e a reprimere il fenomeno delle scommesse clandestine, del gioco illegale e minorile e al contrasto alla concorrenza sleale esercitata da soggetti non autorizzati ai danni degli operatori.

Difatti, i giochi illegali non permettono il monitoraggio del corretto funzionamento degli apparecchi, sottraendo le correlate risorse relative al prelievo erariale unico e possono favorire forme di illecito anche a danno degli ignari consumatori che utilizzano sistemi non certificati che potrebbero alterare il sistema di vincite.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su