Home / Cronaca / Pesce stocco alla ghiotta: il “piatto forte” della cucina messinese
Pesce stocco alla ghiotta: il “piatto forte” della cucina messinese

Pesce stocco alla ghiotta: il “piatto forte” della cucina messinese

Lo stoccafisso, nonostante venga dai freddi paesi scandinavi, è la base di molti piatti della cucina mediterranea. Appartiene alla famiglia dei merluzzi, viene pescato perlopiù nei mari di Norvegia ed è stato introdotto nella cucina siciliana con l’arrivo dei Normanni.

Il pesce stocco alla ghiotta, conosciuto anche come “Piscistoccu a ghiotta” è un “primo piatto forte” della cucina messinese e non solo. Una pietanza da servire a tavola, gustosa dal sapore unico ed inconfondibile, grazie alla freschezza e genuinità degli ingredienti usati per la sua preparazione. Il pesce stocco deve essere acquistato privo di lische e possibilmente la parte del dorso e della coda essendo queste più morbide.

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di pesce stocco ammollato in acqua e tagliato a pezzi,
¾ kg (o più) di patate;
¾ kg di pomodori (o pelati);
1 cipolla (di Tropea è meglio);
1 cuore di sedano;
50 gr. di olive bianche denocciolate;
50 gr. di capperi;
olio extravergine d’oliva, sale e pepe q.b.
Se si vuole rendere piccante unire anche del peperoncino.

Preparazione:

Lavare uno stoccafisso già ammollato e asciugarlo con carta assorbente da cucina.

Tagliare il sedano e le olive a piccoli pezzettini, dissalare i capperi, tagliare le patate a spicchi e tritare la cipolla.

Ricoprire il fondo di un tegame di olio extravergine d’oliva, riporre la cipolla tritata e, quando è diventata trasparente, aggiungere il sedano, le olive ed i capperi.

Allungare con un bicchiere d’acqua e fare restringere. Aggiungere i pomodori a pezzetti, il pepe e il sale e ancora 2-3 bicchieri d’acqua. Lasciare che il tegame torni in ebollizione ed aggiungere i pezzi di pesce stocco e le patate, coprire con un coperchio e mescolare delicatamente di tanto in tanto con un cucchiaio di legno, stando ben attenti a non sfaldare il pesce.
Completare con prezzemolo tritato e servire ben caldo con fette di pane casereccio leggermente tostato.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su