Home / Politica / Comune / Sempre più emergenza rifiuti: Articolo Uno chiede un intervento risolutore
Sempre più emergenza rifiuti: Articolo Uno chiede un intervento risolutore

Sempre più emergenza rifiuti: Articolo Uno chiede un intervento risolutore

Emergenza rifiuti. Giorno dopo giorno la situazione diventa sempre più problematica. Siamo ormai al collasso. In centro e periferia cumuli di rifiuti attorniano i cassonetti. Il Movimento Articolo Uno di Messina attraverso una nota rilancia la necessità di trovare presto una soluzione, prima di arrivare al punto di non ritorno. Per adesso il  Sindaco e l’Amministrazione sembrano inermi e c’è chi – come i sindacati CGIL e UIL – avanza “che l’emergenza sia stata creata ad arte per aprire la strada alla privatizzazione del servizio”.

Domenico Siracusano coordinatore del Movimento "Articolo Uno" Messina

Domenico Siracusano – coordinatore Articolo Uno Messina

La retorica delle responsabilità di “quelli che c’erano prima” non ha mai risolto ne’ è in grado di affrontare i problemi di una città complessa come Messina. La città è al limite dell’emergenza rifiuti e quindi le chiacchiere stanno a zero. Nelle vie delle periferie e del centro (come dimostrano le foto di Via Conte di Torino nei pressi della Scuola Cesare Battisti) da giorni non viene effettuata la raccolta e cumuli di rifiuti occupato intere porzioni di marciapiedi e strade. Si rimettano in strada i mezzi che effettuano la raccolta e si eviti di far precipitare Messina in una condizione insostenibile e grande disagio per i cittadini. Si intervenga immediatamente cosi da fugare i dubbi, segnalati da UIL e CGIL, che hanno dichiarato di temere che l’emergenza sia stata creata ad arte per aprire la strada alla privatizzazione del servizio“, queste le parole di Domenico Siracusano, coordinatore Articolo Uno Messina.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su