Home / Cronaca / “ScuoleSicure”: servizi antidroga nei pressi delle scuole, due arresti
“ScuoleSicure”: servizi antidroga nei pressi delle scuole, due arresti

“ScuoleSicure”: servizi antidroga nei pressi delle scuole, due arresti

Ieri, intorno alle 8 del mattino, durante i servizi antidroga previsti dal progetto nazionale Scuole Sicure, che impegna i poliziotti nel controllo costante delle zone maggiormente frequentate dagli studenti, i poliziotti delle Volanti hanno effettuato un arresto per spaccio di droga.

In manette Salvatore Mirrodi, 21 anni, messinese, già noto alle forze dell’ordine, sorpreso a vendere droga ad un minorenne a pochi passi da un istituto scolastico cittadino.
Il giovane ha tentato di disfarsi delle tre dosi di erba che stava spacciando ma è stato bloccato ed arrestato. Nelle tasche dei pantaloni aveva anche una pillola risultata poi cocaina ai controlli del locale Gabinetto di Polizia Scientifica.

Subito dopo l’arresto, gli agenti hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione dove il ventunenne risiede. Ad aprire la porta di casa la suocera del ragazzo, Rosa Santamaria, 41 anni, messinese, presentatasi con mani e piedi sporchi di terra.
La donna infatti aveva maldestramente tentato di disfarsi di alcune piantine di marijuana, appena divelte dai vasi della piccola serra artigianale allestita in casa e fornita di tutto l’occorrente: lampade a luce calda, timer, fertilizzante e persino le istruzioni per regolare accensione, temperatura ed umidità.

Sequestrati altresì tre bilancini di precisione, un tritaerba, un quaderno con i nomi degli acquirenti e gli importi delle “transazioni” ed ulteriori dosi di sostanza stupefacente, cocaina e hashish, in parte sotto forma di panetto da lavorare, in parte confezionata in dosi pronte ad essere vendute.

Ad aiutare i poliziotti delle Volanti nella perquisizione c’era anche un’unità cinofila della Guardia di Finanza con Sara, un cane antidroga.

E’ quindi scattato l’arresto anche per la donna che insieme al genero è stata trasferita, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, presso la locale casa circondariale.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su