Home / Società / Sicani in moto: le nuove frontiere del turismo sostenibile
Sicani in moto: le nuove frontiere del turismo sostenibile

Sicani in moto: le nuove frontiere del turismo sostenibile

Una innovativa forma di turismo rurale a cavallo di moto, le cosiddette maxienduro, di attuale grande diffusione, è stata oggetto di un accordo programmatico tra l’Associazione Sicily Over Trail ed il Parco naturale regionale dei Monti Sicani, nel pieno rispetto dell’ambiente e dello spirito “Adventouring” di scoperta turistica del territorio in moto.
Lo scopo è quello di promuovere la fruizione turistica del Parco, che merita di essere valorizzato, conosciuto, apprezzato e pubblicizzato.

L’associazione Sicily Over Trail ha trovato nell’Ente Parco dei Monti Sicani un partner istituzionale per l’attuazione di un progetto di fruizione turistica simile a quello recentemente realizzato sul territorio alpino, nell’ambito del Consorzio turistico “Via lattea”, con l’offerta turistica “Alpi Motor Resort”. Ciò è stato possibile anche grazie al recente accordo stipulato dalla Federazione Motociclistica Italiana, da cui è scaturito il protocollo di intesa che riconosce l’importanza del turismo in moto come risorsa, economica e non, per il territorio.

 Ritengo che l’accordo con l’Ente Parco – ha dichiarato il Presidente della Sicily Over Trail, Francesco Paolo Rubino – costituisca un ulteriore passo verso la consapevolezza che motociclismo e natura possano convivere nel rispetto della conservazione del ‘Capitale Naturale’. Auspico, pertanto, che anche gli altri Enti che si occupano della gestione delle aree naturali possano aderire alla proposta di Sicily Over Trail ponendo in essere analoghi progetti di sviluppo del turismo rurale”.

 Sul tema, anche il Commissario Straordinario dell’Ente Parco dei Sicani, Luca Gazzara e l’Assessore regionale per il Territorio e l’Ambiente Totò Cordaro si sono detti soddisfatti dell’accordo raggiunto, soprattutto per l’importanza che nell’ottica della valorizzazione del territorio possono assumere queste nuove formule di turismo sostenibile.

Lascia un commento

Torna su