Home / Politica / Comune / Emergenza rifiuti: De Luca vuole la testa del DG di Messinaservizi
Emergenza rifiuti: De Luca vuole la testa del DG di Messinaservizi

Emergenza rifiuti: De Luca vuole la testa del DG di Messinaservizi

È rottura tra l’Amministrazione comunale ed il DG di Messina servizi Aldo Iacomelli. L’epilogo della vicenda sull’inefficienza del servizio di rimozione e smaltimento dei rifiuti era già nell’aria ma ieri durante l’assemblea dei soci, a cui hanno partecipato il sindaco De Luca e l’assessore all’Ambiente dafne Musolino, in qualità di rappresentanti del socio unico dell’Azienda, si è avuta la conferma definitiva.

Ad essere lamentata dall’Amministrazione la sostanziale incapacità gestionale da parte del direttore generale, che non avrebbe posto in essere per tempo i provvedimenti che avrebbero potuto scongiurare la crisi del sistema di raccolta, verificatasi lo scorso novembre e rispetto alla quale le avvisaglie sarebbero state numerose. A ciò si è aggiunta anche la mancata acquisizione degli obiettivi aziendali, consistenti nel raggiungimento di una quota pari al 65% di raccolta differenziata entro i termini previsti dalla legge, e del 30% entro quelli previsti da un’ordinanza del presidente della Regione.

Questi sono solo alcuni degli 11 punti contestati dall’Amministrazione ed espressi in un documento letto dall’assessore Musolino durante l’assemblea. Tra gli altri anche il danno erariale, legato all’erroneo ricorso alle procedure di emergenza avviate dal Iacomelli per risolvere la succitata crisi novembre, che avrebbero prodotto una duplicazione dei costi e conseguentemente un “enorme aggravio dei costi aziendali”.

Per questi motivi “Il socio unico non può che chiedere e pretendere la rimozione delle cause che hanno generato questa vergognosa situazione”, ha dichiarato De Luca.
Il sindaco, inoltre, anche in questa circostanza ha raccolto un fascicolo da inviare alle autorità giudiziarie competenti, contenente quelle che a suo avviso sarebbero le prove non solo dell’inerzia da parte di chi sarebbe stato deputato a prendere provvedimenti, ma anche di vere e proprie violazioni.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su