Home / Cultura / A tavola con gusto: la caponata, odori e sapori della tradizione di Gesso
A tavola con gusto: la caponata, odori e sapori della tradizione di Gesso

A tavola con gusto: la caponata, odori e sapori della tradizione di Gesso

Gesso, splendido borgo in provincia di Messina, è situato a quota 265 metri nei monti Peloritani, a soli 3 km di distanza dal comune di Villafranca Tirrena. Il nome deriva dal minerale – dal latino Gypsum – che veniva estratto da numerose cave esistenti nella zona, attività cessata negli anni sessanta del secolo scorso. “Ibbisu” è il corrispondente termine dialettale con cui viene identificato tale minerale.

Ormai entrata a far parte delle festività più importanti del ferragosto Messinese, la Rassegna Popolare Ibbisota che si svolge a Gesso, ogni 16 di agosto, rappresenta un punto di riferimento della cultura siciliana.

Oggi vi parleremo della caponata di Gesso, un piatto “povero”  basato su alcuni ingredienti tipici come melanzane, pomodorini, basilico e con i sapori della Sicilia.

Ingredienti per 4 persone

Patate 4
Melanzane 3
Peperoni 3
Cipolla 2
1 gambo di sedano
Capperi q.b.
Olive verdi 100 g
Pomodorini 7
aceto bianco 2 dita
2 cucchiaini di zucchero
Sale q.b
Olio evo
Basilico
Peperoncino q.b.

Preparazione

Tagliate le melanzane a tocchetti, spolveratele di sale e fatele spurgare per 10 minuti per eliminare l’amaro. Friggetele in abbondante olio caldo e lasciatele a sgocciolare abbondantemente. Friggete separatamente le patate e i peperoni.

In una padella fate soffriggere in olio d’oliva le cipolle. Aggiungete il sedano a tocchetti, i pomodorini tagliati a cubetti, le olive verdi ed i capperi. Infine unite le patate, i peperoni e le melanzane. Mescolate e insaporite con lo zucchero e sfumate con l’aceto. Coprite con un coperchio, lasciando cuocere per circa 5 minuti. L’inconfondibile gusto delle olive verdi e dei capperi, ne fanno in tutto e per tutto un piatto Mediterraneo.

Guarnite con alcune foglie di basilico e peperoncino, preferibilmente fresco. La caponata siciliana si può servire a tavola ancora calda, oppure, conservarla in frigorifero per una versione fredda. Quest’ultima è la versione consigliata.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su