Home / Società / Barcellona Pozzo di Gotto ricorda il giornalista Beppe Alfano ucciso dalla mafia
Barcellona Pozzo di Gotto ricorda il giornalista Beppe Alfano ucciso dalla mafia

Barcellona Pozzo di Gotto ricorda il giornalista Beppe Alfano ucciso dalla mafia

Il prossimo 8 Gennaio ricorre il 26° anniversario dell’uccisione del giornalista Beppe Alfano. L’ Amministrazione comunale di Barcellona Pozzo di Gotto, organizza una cerimonia commemorativa, in ricordo del giornalista, ucciso per mano della mafia.

Alle ore 10:30 il Ritrovo delle Autorità in Via Marconi, presso la lapide dedicata al giornalista ucciso. Seguirà il saluto istituzionale, un momento di preghiera e la deposizione di una corona di fiori.

La notte dell’8 gennaio 1993 Giuseppe Alfano, un giornalista d’inchiesta, fu colpito da tre proiettili calibro 22 mentre era fermo alla guida della sua Renault 9 amaranto in via Marconi a Barcellona Pozzo di Gotto (Me). Era quasi arrivato a casa, a cento metri di distanza nella vicina via Trento.

Giuseppe Aldo Felice Alfano, detto Beppe, dopo un’esperienza lavorativa vicino Trento come insegnante di educazione tecnica alle scuole medie, pera tornato in Sicilia nel 1976. In gioventù la sua grande passione fu il giornalismo. Nell sua terra d’origine cominciò così a collaborare con alcune radio provinciali, con l’emittente locale Radio Tele Mediterranea e fu corrispondente de “La Sicilia” di Catania. Divenne il “motore giornalistico” di due televisioni locali della zona di Barcellona Pozzo di Gotto, Canale 10 e poi Tele News, questa ultima di proprietà di Antonino Mazza, anch’egli ucciso dalla mafia.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su