Home / Cultura / Cinema e TV / La vita del grande Antonello da Messina al cinema ne “il Pittore e la Santa”
La vita del grande Antonello da Messina al cinema ne “il Pittore e la Santa”

La vita del grande Antonello da Messina al cinema ne “il Pittore e la Santa”

Pubblico numeroso quello che ha assistito interessato alla presentazione ed alla proiezione del film “Il Pittore e la Santa”, con la regia di Biagio Cardia e la sceneggiatura di Nino Giordano. Progetto messinese di rilievo per l’intero panorama artistico e religioso nazionale. il film in questione si incentra su due personaggi messinesi, la cui fama è internazionale: Antonello da Messina e Santa Eustochia. La conferenza di presentazione alla stampa del film si è svolta il 3 gennaio presso il Salone delle Bandiere del Comune di Messina.

La proiezione della prima si è, invece, tenuta nei locali del Palacultura “Antonello” alla presenza delle autorità cittadine. In prima fila il sindaco Cateno De Luca, al suo seguito gli assessori Vincenzo Trimarchi, Pippo Scattareggia e Dafne Musolino del Comune di Messina; tra gli spettatori, e in rappresentanza della Città metropolitana, la dirigente alla Cultura Dott.ssa Anna Maria Tripodo; presenti il cast degli attori e lo staff organizzativo. Preziosa la partecipazione dell’attore messinese Antonio Fermi.

Nelle vesti di Suor Eustochia da adulta troviamo Rosy Trapa, Tiziana Midiri la moglie di Antonello. Riprese, montaggio e direzione della fotografia a cura dall’esperto Davide Cardia, il quale vanta esperienze nazionali di spessore, coadiuvato dai fotografi Sebastiano Occhino, Paolo Pergolizzi e da Annamaria Niccoli di Lecce.

Nutrito il cast composto da giovani attori quali Francesco Arria, Giorgia Carnevale, Giada Castriciano, Gabriele Scaglione, Laura Vitale, Rossana D’Andrea, Antonino Arria, Filippo, Giovanni e Gabriele Scarfi’, Gabriele Giosuè Schilirò, Giovanna Sculco nella parte della nonna di Antonello e ai frati francescani Massimo Maugeri e Gaetano Buda; oltreché i veterani  Giovanni Amico, Francesco Micari, Simona Gugliara, Marilena Di Benedetto, Luca Fioriglio, Pina Romeo. Infine, i figuranti del gruppo rievocazione storica di Mili San Pietro: Marisa Zagami, Sonia Zagami, Angela Busà, Maria Maressa, Gina Cucinotta, Laura Cascio Gioia, Liliana Blanca, Rosetta Sidoti, Giuseppe Castriciano, Giuseppe Cucinotta, Pina Romeo e Giada Castriciano.

Alla produzione del film Nuccia Di Gennaro e Agata Midiri; addetta alla consulenza l’Accademia Culturale Zanclea di Messina. Direttore artistico Giuseppe Majolino; collaboratrice ai dialoghi Caterina Oteri. Musiche realizzate dal fotografo e tecnico musicale Tony Zecchinelli di Roma. Acconciature e trucco a cura rispettivamente di Tina e Rita Piedimonte. Per i costumi dell’epoca, il regista Biagio Cardia, coordinatore di tutti gli aspetti organizzativi, si è avvalso di alcuni abiti, presi in prestito dall’Amministrazione Città Metropolitana di Messina e della collaborazione di sei sarti messinesi.

Riflettori accesi, dunque, sulla vita del più grande pittore siciliano rinascimentale, Antonello da Messina, orgoglio della messinesità, in particolare sulla presunta amicizia con Santa Eustochia, che rappresentò uno dei momenti più interessanti della sua vita.

Colori, atmosfere, ambientazioni paesaggistiche dal forte impatto culturale e richiamo scenografico: Borgo Pantano a Rometta, il porto di Messina nello spazio adiacente il Club Thalatta e la Chiesa di San Nicola di Salice. Le ultime riprese sull’ex monastero Santa Maria di Gesù Superiore di Ritiro sono state rese possibili grazie al contributo offerto dall’associazione “Antonello da Messina”. Proprio in quel luogo sacro si crede sia stato seppellito Antonello da Messina, come convalidato da alcuni riscontri storico-documentali. A questo punto della pellicola Antonello appare sotto forma di fantasma.

In programma, la proiezione al pubblico in diversi cinema con la prima fissata in data 4 febbraio, alle 20:30, al Cinema Apollo. Il film dal chiaro carattere storico verrà presentato agli alunni delle scuole cittadine.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su