Home / Cronaca / Incidente mortale sulla Catania-Messina AGGIORNAMENTI E VIDEO
Incidente mortale sulla Catania-Messina AGGIORNAMENTI E VIDEO

Incidente mortale sulla Catania-Messina AGGIORNAMENTI E VIDEO

Un 15 gennaio di sangue sulla A18. Poco prima delle ore 3.00, sull’autostrada A18 Messina-Catania, all’altezza del chilometro 12 si è verificato un incidente.

Nel corso dei rilievi, la pattuglia è rimasta coinvolta in un altro gravissimo incidente nel quale ha perso la vita l’assistente capo Angelo Gabriele Spadaro, classe ’63, della Sottosezione Polizia Stradale di Giardini Naxos.

L’operatore è rimasto schiacciato contro il guardrail laterale investito da un mezzo pesante ed ha riportato gravissime lesioni a seguito delle quali è deceduto presso il Policlinico G. Martino di Messina alle ore 5:00 circa. Spadaro lascia i genitori, una sorella ed un fratello, ispettore della Polizia di Stato che presta servizio a Messina.

Nell’incidente è rimasto ferito l’altro componente della pattuglia, assistente capo Giuseppe Muscolino, ricoverato in ospedale ma non in pericolo di vita.

Sul posto sono intervenuti quattro equipaggi della Polizia Stradale. Le cause dell’incidente sono in corso di accertamento ma i primi rilievi hanno fatto emergere il coinvolgimento a vario titolo di sei mezzi pesanti, due autovetture, un motociclo con almeno altri due deceduti e diversi feriti. Le indagini sono a cura della Sezione Polizia Stradale di Messina.

L’autostrada A/18 è ancora chiusa nel tratto Catania-Messina al km 23 con uscita obbligatoria allo svincolo di Roccalumera.

Il sinistro, l’ennesimo, ripropone ancora una volta le critiche condizioni stradali della A 18, in questi ultimi anni nell’occhio del ciclone per i continui disservizi. Si lamentano i pendolari costretti a continue deviazione e un manto stradale dissestato. Si lamentano anche gli uomini della Polizia Stradale: più volte i poliziotti della sotto sezione di Giardini Naxos e Boccetta hanno lamentato carenze di organico e mezzi, questo a scapito della sicurezza, divenuta sempre più precaria.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su