Home / Cronaca / Discariche abusive – Fenomeno in espansione sui Nebrodi
Discariche abusive – Fenomeno in espansione sui Nebrodi

Discariche abusive – Fenomeno in espansione sui Nebrodi

La raccolta differenziata è un concetto non ancora del tutto appreso e rispettato, proprio per questo le discariche abusive stanno, purtroppo, diventando una realtà sempre più estesa e diffusa nelle zone tirreniche, ma non solo.

Non è la prima volta che si sente parlare di rifiuti abbandonati nelle campagne, nelle zone fluviali, lungo le strade, nei quartieri di città e paesi, in pieno centro o a ridosso delle spiaggie. Oggi più che mai le discariche abusive stanno diventando un’abitudine malsana tanto illegale quanto semplice da commettere, poche sono infatti le zone tenute sotto attenta osservazione e tanti i luoghi abbandonati, spesso isolati, dove creare un proprio punto di scarico. Si passa in poco tempo da un’iniziale abuso, al danno ambientale vero e proprio quando l’individuo incurante delle conseguenze del suo gesto non si avvale solo dell’abbandono illecito ma si riserva anche il diritto di poter appiccare fuoco ai rifiuti. Se già questo non fosse abbastanza grave, a rendere il tutto ancora più illecito vi è la violazione di proprietà privata, spesso subita da chi possiede appezzamenti di terreni neanche troppo isolati.

Discarica abusiva

Alcune immagini della discarica abusiva in località Mirto

Proprio in questi giorni nella zona tirrenica – compresa tra Capo d’Orlando e Torrenova – è stata individuata una micro discarica abusiva situata in un appezzamento di terreno e in un edificio abbandonato appartenenti al Demanio. A seguito di alcune segnalazioni da parte dei cittadini, il comitato “Il volontariato che unisce e fa rete” ha deciso di intervenire pubblicando un filmato sul proprio profilo youtube, dando testimonianza dell’accaduto. Non è la prima volta che l’amministrazione interviene in questa parte di territorio proprio per questo motivo il sindaco di Torrenova, Salvatore Castrovinci, ha convocato il comandante della Guardia Costiera di Sant’Agata di Militello per stabilire alcuni interventi di bonifica dell’area in questione. Se zone come questa, tenuta sotto controllo, si trasformano tanto facilmente quanto velocemente in zona rifiuti, le zone più isolate come alcune proprietà, spesso anche private, nel comune di Mirto vengono tranquillamente sfruttate ad uso e abuso comune. Nonostante le varie e frequenti lamentele, i controlli sono rari e il più delle volte inesistenti rendendo la situazione oggettivamente insostenibile per chi in quei luoghi coltiva, lavora o possiede un appezzamento di terreno. Purtroppo in questi posti il degrado sembra prendere piede con frequenza sempre maggiore, sotto gli occhi di tanti ma su interesse di nessuno, se non di chi ci perde.

Discarica abusiva

Alcune immagini della discarica abusiva in località Mirto

L’inciviltà, dunque, ha superato di gran lunga quelle che sono le buone maniere e la maggior parte della popolazione è costretta a subire i comportamenti eticamente scorretti e socialmente inadeguati di chi in barba alle nuove norme di smaltimento rifiuti, come la raccolta differenziata, decide di avvalersi della facoltà di scegliere il luogo di scarico adatto, riducendo l’intero territorio ad esso limitrofo in una vera e propria discarica abusiva. Per risolvere o, quantomeno, ridurre il problema servirebbe approfondire quella che è la scarsa sensibilizzazione sul rischio ambientale e andrebbe ripresa nelle scuole, in maniera costante ed efficiente, l’insegnamento dell’educazione civica così da inculcare già nelle giovani menti l’idea di un mondo più pulito e civilizzato.

Va. Ni.

Lascia un commento

Torna su