Home / Cultura / Cinema e TV / “Milazzo International film Festival”: buona la prima!
“Milazzo International film Festival”: buona la prima!

“Milazzo International film Festival”: buona la prima!

Successo per la prima edizione della kermesse internazionale, diretta da Annarita Campo, regista e direttore artistico, che non è nuova a curare eventi di grande rilievo e spessore, quali il “Belluno Film Festival” (che dirige tuttora) ed il prestigioso “Gattopardo Ibleo”.

Con il “Milazzo International Film Festival”, la Campo supera se stessa, dando prova di grande direzione artistica. Cura tutto nel dettaglio e realizza una miscellanea bilanciata fra cinema, musica e letteratura; senza trascurare momenti di immancabile magia misti a puro intrattenimento.

Una ricca programmazione composta interamente da eventi in prima tv; tra questi la proiezione del cortometraggio “Il cioccolatino”, la cui produzione è stata curata dalla bravissima Francesca Rettondini, attrice e interprete. Inclusi in scaletta la presentazione del libro “I Viceré ai tempi di Facebook” di Santi Cautela e del libro “Totò mio padre” di Liliana De Curtis.

Il festival, durato due giorni, ha visto un susseguirsi di presentazioni con vari candidati. Sotto i riflettori il libro dal titolo “Quelle impronte sempre nel cuore” di Cinzia Curto; la proiezione del film “Consign to Oblivion”; la presentazione del libro di Giuseppe Sammarco “Riaccendi il cuore”; l’interpretazione dell’attore di cinema e fiction David Montesi; la proiezione di “Ferita di parola” di Riccardo Cannone; la masterclass della regista Annarita Campo, la proiezione del cortometraggio “Il Cioccolatino”, prodotto ed interpretato da Francesca Rettondinil; la Masterclass di quest’ultima, la presentazione del libro “Totò mio padre” di Liliana De Curtis; la presentazione del videoclip “La fabbrica del talento” i 2 Elementi; il libro “Kennedy un socialista alla Casa Bianca” di Santi Cautela; il documentario di Rai Cinema dal titolo di “Totò mio padre”, infine due spettacoli di musica e magia “Viaggio nel cinema attraverso la musica” con il Duo Imbesi-Zangarà e “Cinema & Magia” con il mago Salvin.

La seconda giornata è stata il lembo di stoffa su cui si sono intessute altre presentazioni. Esibiti libri e non solo; in esclusiva, il libro “I Viceré ai tempi di Facebook” di Santi Cautela; “Blinking Mirrors” di Paolo Inglese; “Mal comune mezzo gaudio – la vita secondo Totò”; la proiezione di “Soldatini di carta” di Giulia Ventisette.

La due giorni si è conclusa con la premiazione di tutti i vincitori delle varie sezioni del MIFF e del BFF. Per la sezione lungometraggi i film “Consign to Oblivion”una di Silvio Bergamaschi e “Ferita di parola” di Riccardo Cannone (Premio della Giuria); la sezione documentari ha visto in lizza “Un principe chiamato Totò” di Rai Cinema; per la sezione videoclip “La fabbrica di talento” di 2 Elementi e “Soldatini di carta” di Giulia Ventisette (Premio della Giuria).

Il Premio “Tina Merlin” è andato a “Quelle impronte sempre nel cuore” di Cinzia Curto e a “Riaccendi il cuore” di Giuseppe Sammarco (Premio della giuria); il Premio “Shakespeare” a David Montesi; il “Giovanni Campo” al libro “Totò mio padre” di Liliana De Curtis.

Premio “Cuore del Popolo” assegnato a “Mal comune mezzo gaudio – la vita secondo Totò”; Premio “John Wayne” consegnato a Saverio Malara; Premio “Giulietta Masina” consegnato ad Anna Teresi; Premio “Bette Davis” a Daniela Patroncini. Per concludere, il Premio “Greta Garbo” è stato il riconoscimento previsto per l’attrice Francesca Rettondini.

Un “Premio alla carriera-post mortem” dal Belluno Film Festival al grande ed inimitabile Totò; mentre con il premio “Grotta di Polifemo” deciso dal MIFF sono stati premiati: per la musica il “Duo Imbesi-Zangarà”, per l’illusionismo Mago Salvin; per il teatro Salvatore Cilona; Filippo De Mariano per l’arte e la scultura; Piero Genovese per il giornalismo e “Blinking Mirrors” di Paolo Inglese per la Sezione “Cinema”.

Il premio “Baronessa Luigia Sipione” è andato al libro “Kennedy un socialista alla Casa Bianca” di Santi Cautela. Per il MIFF è stato assegnato il “Premio alla carriera per la musica” alla cantante di origini spagnole Carmen Villalba.

Conclude la carrellata la Sezione “Cortometraggi” del MIFF assegnata a “Il Cioccolatino”, prodotto ed interpretato da Francesca Rettondini, presentato in esclusiva nel corso della kermesse.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su