Home / Cronaca / Museo delle Machine Festive: l’associazione “Radici” scende in campo
Museo delle Machine Festive: l’associazione “Radici” scende in campo

Museo delle Machine Festive: l’associazione “Radici” scende in campo

Cultura e politica si intrecciano; la prima è l’identikit di una città, di una comunità, mentre spetta alla seconda doverne determinare le scelte. Analogo ragionamento vale per Messina e la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni.

Per quale motivo, per quale ragione, “nascondere” la Vara ed i Giganti,  ma non solo, per quasi un anno intero all’interno di depositi e far fare loro solo una timida apparizione ad agosto? Perché non farci un museo? 

E’ l’interrogativo che si pone l’associazione politico-culturale “Radici” che, per onestà intellettuale , riconosce che l’idea nasce dall’architetto Nino Principato già nei primi anni ’90, ma ad oggi nessuna amministrazione ne ha mai fatto un cavallo di battaglia.

Il Museo delle Machine Festive sarebbe un opera eccezionale per diversi motivi: la città avrebbe la possibilità di esporre tutto l’anno sia la Vara, sia Mata e Grifone, ma anche le Barette, il Vascelluzzo, il Pagghiaru, attirando indubbiamente non solo l’attenzione di tanti cittadini ma anche di migliaia di turisti che periodicamente attraccano con le navi da crociera; cultura significa turismo e significa economia e sicuramente la nascita di un Museo, oltre ad implementare l’economia della città darebbe sicuramente la possibilità di creare occupazione, come i custodi all’interno del Museo, guide turistiche, operatori turistici, traduttori.

I consiglieri Alessandro Cacciotto e Libero Gioveni, rispettivamente alla Terza Circoscrizione e al Consiglio Comunale, soci fondatori di Radici, più volte sono intervenuti sul tema sollecitando le amministrazioni ad attivarsi.

Radici apprezza il lavoro che la Commissione Cultura al Consiglio Comunale sta portando avanti sull’argomento, proprio in questi giorni, con l’audizione dello stesso Principato. “Per questi motivi – scrivono dall’associazione – urge che l’amministrazione ponga la sua attenzione anche su questo argomento. Urge individuare una struttura comunale o in alternativa stipulare un accordo con enti diversi dal comune per individuare l’ubicazione del Museo; necessario il reperimento di risorse”.

Radici nei prossimi giorni, per il tramite del suo presidente Fabio Morabito, chiederà un incontro ufficiale al sindaco, anche e non solo, per discutere della nascita di un  Museo delle Machine Festive.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su