Home / Cultura / A tavola con gusto:“Bianco e Nero” Messinese, un trionfo di golosità
A tavola con gusto:“Bianco e Nero” Messinese, un trionfo di golosità

A tavola con gusto:“Bianco e Nero” Messinese, un trionfo di golosità

Messina, città “porta della Sicilia” nota per la sua storia, i suoi monumenti e, soprattutto, per la sua cucina ricca ed elaborata, caratterizzata da sapori intensi e gustosi.

La “Città dello Stretto” è conosciuta in tutto il mondo per la tradizione pasticciera e per i suoi dolci, le cui ricette vengono tramandate ormai da “generazione in generazione” nelle famiglie della città.

Una varietà di prelibatezze dolciarie che comprendono più svariati ingredienti: dagli agrumi, al cioccolato, alla la ricotta, alla panna. Uno dei dolci simbolo di Messina è il “bianco e nero messinese”, il cui nome deriva dalla panna e dalla cioccolato utilizzati nella preparazione.

Una strepitosa bontà nel dolce domenicale della tradizione messinese, una “montagna di bignè” ripieni di panna e uniti da una deliziosa crema ricoperto da scaglie di cioccolato nero fondente.

Alessandra Dinu di Rometta ha addolcito la nostra domenica con un Bianco e Nero Messinese a base di bignè, panna, nutella e cioccolato fondente. Ecco la ricetta:

Ingredienti per 4 persone:
Bignè 25-30
Panna (da montare) 500 ml
Nutella 3 cucchiai
Cioccolato Fondente 150 g

Preparazione:

Montate a neve la panna e separarla a metà: una parte resterà bianca mentre l’altra verrà montata aggiungendo 3 cucchiai di nutella e, amalgamata delicatamente, fin quando non diventa di colore marrone.

Riempite il bignè con la panna bianca e tuffateli uno ad uno nella crema preparata con panna e nutella. Disponeteli su un vassoio formando la classica montagna e, dopo averli fatti riposare in frigo per almeno un paio d’ore, ricopriteli con scaglie di cioccolato fondente.

Il vostro dolce è pronto, perfetto per ogni occasione! Ideale da servire ai vostri amici dopo una cena o un pranzo domenicale oppure semplicemente per una sana colazione o una pausa thè. Una piramide di gusto di cui i messinesi e non solo ne vanno “matti”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su