Breaking News
Home / Cronaca / Servizi municipale: il consigliere Gioveni propone l’istituzione del “vigile urbano di quartiere”
Servizi municipale: il consigliere Gioveni propone l’istituzione del “vigile urbano di quartiere”

Servizi municipale: il consigliere Gioveni propone l’istituzione del “vigile urbano di quartiere”

Dal prossimo 1 ottobre, l’amministrazione comunale attuerà una radicale riorganizzazione dei servizi municipali attraverso una sensibile riduzione dei Dipartimenti e dei relativi Dirigenti che li sovrintenderanno.

Sul tema è intervenuto il consigliere comunale Libero Gioveni: “Senza voler entrare adesso nel merito della riforma, mi preme cogliere l’occasione, in virtù appunto di questa nuova riorganizzazione, per lanciare, nell’ambito dei servizi svolti dalla preziosa Polizia Municipale, la nascita della figura del vigile urbano di quartiere“.

Tale esigenza nasce da una serie di considerazioni fatte dal consigliere: dalla troppa anarchia e scarso controllo del territorio nei villaggi e nelle periferie, alle reiterate violazioni del codice della strada nelle zone meno monitorate ma che rappresentano comunque snodi importanti per la viabilità (la rotatoria Zaera su tutte dove insiste perennemente e vergognosamente la sosta selvaggia); dall’imminente incremento di nuovo personale grazie al nuovo concorso per 12 mesi che rimpinguerà il Corpo di altre 46 unità, alla necessità di ripristinare alcune sedi decentrate della Polizia Municipale come quella di Camaro, chiusa da ben 11 anni; dalla garanzia di più misure di sicurezza e ordine pubblico nelle zone più a rischio di microcriminalità, alla maggiore presenza dei vigili urbani nelle scuole ubicate in arterie a rischio incidenti durante le ore di ingresso e uscita dalle lezioni dei piccoli alunni.

Infine, ma non meno importante, Gioveni pensa all’intensificazione dei controlli e conseguenti azioni di repressione nei quartieri contro la deturpazione del territorio e le discariche abusive in genere.

A 10 giorni dall’avvio della nuova riorganizzazione dei servizi, il consigliere comunale interroga il sindaco De Luca e l’assessore Musolino, per sapere se intendano valutare la concreta possibilità di istituire la figura del “vigile urbano di quartiere”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su