Home / In Evidenza / Messina, dona gli organi e per 6 pazienti si accende la speranza
Messina, dona gli organi e per 6 pazienti si accende la speranza

Messina, dona gli organi e per 6 pazienti si accende la speranza

Una buona notizia, che lascia spazio a pensare che la vita è bella, anche quando i problemi di salute non mancano. Una storia di solidarietà iniziata il giorno di Natale arriva al Policlinico “G.Martino” un 53enne di Milazzo, viene ricoverato per una patologia cerebrale che porta inesorabilmente alla morte.

La diagnosi è chiara: non potrà sopravvivere alla malattia. La moglie e i figli vantano orgogliosi il tesserino su cui risulta la volontà di donare post mortem gli organi.

Ad attivarsi è immediatamente il personale del Reparto di Rianimazione che, per ore, ha compiuto l’accertamento la morte encefalica ​e monitorato il paziente, comprendo il mantenimento del donatore fino all’arrivo, nelle sale operatorie, delle ‘équipes‘ di prelievo.

Ha organizzato tutte le attività il Coordinamento per la donazione ed i trapianti d’organo dell’A.O.U. con il responsabile, dott.Francesco Puliatti. Numerose le Unità Operative Aziendali coinvolte, tra queste l’UTIC, la Radiologia, la Neurologia, la Medicina legale, la Patologia clinica, la Microbiologia, la Virologia.

L’espianto ha riguardati: il fegato è stato trapiantato a Verona; un rene è andato ad un paziente ricoverato al Policlinico di Catania, l’altro è stato inviato al Policlinico di Roma; il cuore è stato inviato con urgenza a Udine per un paziente ormai in fini di vita; le cornee, prelevate dagli oculisti del Policlinico, sono ora alla Banca degli occhi di Mestre.

“Il nuovo anno – afferma il direttore generale dell’A.O.U. Giuseppe Laganga – si apre sulla scia di quanto registrato negli ultimi mesi del 2019, quando

<<L’inaugurazione del nuovo reparto di Rianimazione (intitolato a Nicholas Green) ha dato un forte impulso alle donazioni.>> A dirlo il Direttore Generale, Giuseppe Laganà.

<<Abbiamo intensificato le azioni di promozione e le sinergie con associazioni di volontariato ed enti, – spiega – proprio per implementare la cultura della donazione. I risultati si sono visti immediatamente.>>

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su