Breaking News
Home / Società / #Nonsiamosoli – UniMe c’è… l’importanza di fare rete
#Nonsiamosoli – UniMe c’è… l’importanza di fare rete

#Nonsiamosoli – UniMe c’è… l’importanza di fare rete

Si ampliano i servizi promossi e coordinati dal Centro di Ricerca e di Intervento psicologico (CeRIP) dell’Università di Messina, grazie alla volontaria partecipazione di psicoterapeuti che da anni operano in ambito sanitario.

“Il personale medico e tutti gli operatori delle professioni sanitarie sono attualmente impegnati nella gestione dell’emergenza coronavirus – dice la prof.ssa Marina Quattropani – e, viste le numerose richieste inviate al Rettore, prof. Salvatore Cuzzocrea, abbiamo deciso di attivare il servizio SOS – Supporto Operatori Sanitari, grazie alla collaborazione di alcuni psicoterapeuti che hanno accolto l’invito di supportare il personale sanitario, attraverso colloqui individuali in videochiamata o con semplice chiamata tramite Skype”.

I ritmi di lavoro e l’eccezionalità della situazione possono comportare eccessivi livelli di stress nel personale che opera in ambito sanitario, pertanto ciascuno di noi può aiutarli continuando a stare a casa e seguendo le indicazioni che ci vengono date, sostenendoli anche se a distanza.

Con questo spirito, è stato attivato l’account Skype “SOS Supporto Operatori Sanitari”garantito dai dott.ri: Bonanno Stellario(Messina); Camuti Catena (Patti); Donzelli Aurora (Augusta), Fichera Rosa (Messina); Lombardo Santina (Milazzo); Quattropani Mrina (Messina), Tribulato Graziella (Messina).

Sono tutti psicoterapeuti iscritti all’albo professionale che lavorano in ambito sanitario da più di 10 anni.

“Ci tengo a sottolineare che è possibile realizzare questa e tante altre iniziative – ha aggiunto il Rettore –  solo grazie ad un lavoro di rete che veda la compartecipazione di tutti. Ringrazio tutti i professionisti che hanno voluto aderire all’iniziativa e continuo a pensare che con l’apporto di tutti possiamo superare questo difficile momento. Non siamo soli”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su