Home / Cronaca / Messina, banca dati dello Stretto: “si passa – ma – a condizione”
Messina, banca dati dello Stretto: “si passa – ma – a condizione”

Messina, banca dati dello Stretto: “si passa – ma – a condizione”

Dalle ore 9 di stamattina il dott.Cicala, esperto del Comune di Messina ai Servizi Informativi, insieme all’Assessore Musolino stanno curando la formazione degli Agenti della Polizia Municipale che si occuperanno di gestire i controlli della banca dati “Si passa a condizione.” A riferirlo il sindaco di Messina, Cateno De Luca.

Banca dati già attiva dalle ore 00,30 di stanotte, in ritardo di soli 30 minuti sulla tabella di marcia. “Abbiamo già ricevuto oltre 40 domande di registrazioni di persone che, diligentemente, hanno cominciato ad attivarsi per chiedere di essere autorizzati al passaggio“.

La formazione che stiamo svolgendo – spiega – riguarda sia gli aspetti gestionali sia le modalità con le quali verranno eseguiti i controlli presso i punti di imbarco e sbarco della Caronte&Tourist e della BluJet ogni giorno, in corrispondenza degli orari delle corse“.

Per accedere alla banca dati online è necessario collegarsi al sito: www.sipassaacondizione.comune.messina.it dove sono disponibili “la guida all’utilizzo e l’Ordinanza Sindacale n.105 del 5 aprile 2020 e il modello di domanda da inviare al sindaco del Comune di destinazione per dimostrare di avere ottenuto la prevista autorizzazione a trascorrere il periodo di isolamento.” Si stanno riscontrando alcuni problemi di accesso.

In alternativa, l’accesso alla banca dati può avvenire anche attraverso il pulsante “emergenza coronavirus traghettamento sullo Stretto” che dà accesso diretto alla pagina istituzionale del Comune di Messina www.comune.messina.it

Per la compilazione del modello sarà, inoltre, necessario seguire la procedura, che è “guidata ed intuitiva”, dice il sindaco, è sufficiente seguire, passo passo, le istruzioni. Per ottenere l’assenso preventivo del sindaco (o di un suo delegato) andranno indicati i motivi della richiesta; il Comune verso cui si è diretti per l’autoisolamento della durata di 14 giorni; l’indirizzo e il domicilio; la giustificazione. Si distinguerà tra “pendolari e avventizi“.

Quanto al traffico giornaliero odierno questi i numeri. L’attraversamento sullo Stretto ha registrato 1000 persone, di cui 300 hanno addotto motivi di salute, 400 di necessità e 300 lavorativi.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su