Home / Società / Solidarietà, Rometta: nessuno deve restare solo in questo momento!
Solidarietà, Rometta: nessuno deve restare solo in questo momento!

Solidarietà, Rometta: nessuno deve restare solo in questo momento!

Continuano le iniziative di solidarietà in favore dei più bisognosi. L’emergenza coronavirus non accenna affatto a rientrare, ma, nello stesso tempo, non si ferma neppure l’ondata di beneficenza che travolto migliaia di persone in tutta la Sicilia (e in tutta Italia) , con donazioni di ogni tipo. E anche nel comune tirrenico di Rometta non si ferma la corsa a sostegno delle famiglie bisognose.

Nasce “Chi può metta, chi non può prenda” l’iniziativa lanciata dal Comune di Rometta, un “gesto di solidarietà” per chi è in difficoltà economiche. All’ingresso principale della Delegazione Municipale, a Rometta Marea, troverete uno spazio in cui mettere generi non deperibili di prima necessità (pasta, riso, farina, zucchero, pelati o passata di pomodoro, olio, carne in scatola, tonno, fagioli e scatolame vario, alimenti a lunga conservazione o altro ancora) da donare a chi si trova in difficoltà. L’iniziativa non ha limitazioni “tutti possono prendere” e “tutti possono donare”.

In questo tempo di emergenza Covid-19, c’è bisogno di aiuto, ma di aiuto concreto! Solidarietà”, dunque, è la parola d’ordine e, forse, anche la parola chiave per vivere questo difficile momento storico, assicurare il cibo a chi si trova in gravi condizioni economiche e non può fare la spesa. Chi vuole donare generi alimentari può rivolgersi al vice sindaco Melania Messina, gli assessori Nino Cirino e Salvatore Ruggeri che provvederanno a farli prendere e portare.

«Sono veramente contento che “chi può metta” incomincia a funzionare bene, perché chi “non può” in forma anonima e senza nessun requisito richiesto, se non i limiti imposti dalla coscienza di ognuno, incomincia “a prendere”. Forza romettesi, forza esercenti di generi alimentari» – scrive il sindaco di Rometta, Nicola Merlino, sul suo profilo Facebook -.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su