Breaking News
Home / Cronaca / Assunzione vigili urbani a rischio: c’è un ricorso al Tar
Assunzione vigili urbani a rischio: c’è un ricorso al Tar

Assunzione vigili urbani a rischio: c’è un ricorso al Tar

Un ricorso al Tar potrebbe far slittare, se non addirittura annullare, l’assunzione dei 46 agenti concorsiti della Polizia Municipale. Sulla questione è intervenuto il consigliere comunale Libero Gioveni che sta seguendo tutto l’iter che porterà l’incremento di 46 unità al Corpo di Polizia Municipale grazie ai fondi del Decreto Sicurezza.

Gioveni lancia l’allarme di un ricorso pendente innanzi al Tribunale Amministrativo di Catania e chiede all’Amministrazione, ora più che mai, la necessaria chiarezza sui tempi per visite mediche e firma dei contratti.

“Il ricorso al Tar è stato depositato il 28 maggio scorso – spiega Gioveni – e proviene da un candidato escluso dalla prova orale che, fra le varie richieste, mira anche all’annullamento di tutta la procedura concorsuale”.

“Non volendo assolutamente entrare nel merito del ricorso e sulla sua legittimità in difesa di un diritto che potrebbe essere stato anche leso e su cui il Tribunale è giusto che si pronunci – evidenzia il consigliere – di contro non si può lasciare a bagnomaria questi ragazzi e di riflesso una intera città che ha bisogno come il pane di vigili urbani”.

Il prossimo 12 giugno l’attuale graduatoria provvisoria si trasformerà in “definitiva e questo darebbe il via libera definitivo alle visite e conseguentemente all’assunzione: “Dunque – conclude Gioveni – poiché il pronunciamento del Tar si prevede avvenga non prima del mese di luglio, si rende necessario da parte dell’Amministrazione e del Segretario Generale una nota chiarificatrice rispetto alla tempistica dell’inserimento in organico dei nuovi agenti e, soprattutto, delle precise garanzie future sulla solidità di tutta l’impalcatura concorsuale”.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su