Breaking News
Home / Cultura / Spadafora: al via i lavori per realizzare una biblioteca comunale
Spadafora: al via i lavori per realizzare una biblioteca comunale

Spadafora: al via i lavori per realizzare una biblioteca comunale

Sono iniziati oggi i lavori di recupero e ristrutturazione dei locali eredità Pino, destinato alla realizzazione della Biblioteca comunale. Un edificio donato in eredità al comune di Spadafora da Francesco Pino, stimato medico spadaforese. Tra le volontà testamentarie quella di utilizzare i locali per la realizzazione di un museo biblioteca, per la comunità spadaforese.
Uno spazio a sfondo culturale dove gli abitanti possono ritrovare il piacere nella lettura, di consultazione testi, con lo scopo di contribuire alla crescita culturale dei suoi cittadini.

«Da oggi hanno inizio i lavori di – dichiara il Primo Cittadino spadaforese Tania Venuto – ristrutturazione e abbattimento delle barriere architettoniche che porteranno alla realizzazione di una biblioteca comunale che a Spadafora non c’è mai stata, in maniera tale da poter realizzare un’opera di importanza sociale e culturale importante per la cittadinanza.»

«Mi sono fatto promotore assieme a questa amministrazione comunale dice il consigliere Francesco Rigano – di un’iniziativa che sarà quella di far conoscere a tutti i cittadini spadaforesi la personalità e la grande preparazione professionale culturale del dottore Pino, un medico spadaforese che ha raggiunto livelli prestigiosi in termini di qualifica e rispetto riconosciuto da tutti presso l’ospedale Molinette di Torino. Ci sarà occasione attraverso una conferenza stampa di far conoscere a tutti questa splendida storia di cultura e altruismo.»

«La realizzazione di questo museo-biblioteca – sottolinea l’assessore Maria Ialacqua – è un passo molto importante per la nostra comunità. Avere a disposizione di tutta la cittadinanza testi importati significa poter dare a chiunque la possibilità di far crescere il proprio sapere. Spero che tutti i ragazzi possano apprezzare questa preziosa eredità donataci da un illustre Prof Pino.»

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su