Breaking News
Home / Cultura / A tavola con gusto: “vin brulé” come prepararlo?
A tavola con gusto: “vin brulé” come prepararlo?

A tavola con gusto: “vin brulé” come prepararlo?

Immaginiamo queste fredde serate natalizie trascorse nel calduccio delle nostre casette. Albero di Natale, addobbi natalizi, presepe, luci che riscaldano i nostri cuori infreddoliti da questa terribile pandemia. Difficile pensare al Natale senza degustare una bevanda calda, stuzzicare qualche biscottino di zenzero e rilassarsi di fronte a un camino circondato da ghirlande natalizie… Vin brulé è la bevanda natalizia per eccellenza, preparata con pochi, ma buoni, ingredienti. Seguiamo i segreti di Fortunato Marcianò per realizzare in casa un vin brulè coi fiocchi…

Ingredienti per 4 persone

– 1l di vino rosso

– 60g di zollette di zucchero

– 1 arancia

– 2 stecche di cannella

– 1 anice stellato

– 1 limone

– 2 bacche di ginepro

– 2 chiodi di garofano

– ½ noce moscata grattugiata

– 1 mela piccola

Preparazione:

Tagliate sottilmente una lunga striscia di scorza di un  limone non trattato e tagliate un’arancia a fettine, avendo cura di non prelevarne la parte bianca interna che renderebbe piuttosto amara la preparazione. In una casseruola, possibilmente di acciaio, evitate in ogni caso quelle con il fondo antiaderente, versate 60gr di zucchero in zollette, unite due stecche di cannella, due bacche di ginepro, due i chiodi di garofano e un’anice stellato
Quindi, aggiungete la scorza del limone e in ultimo versate mezzo litro di buon vino rosso corposo; ponete la casseruola sul fuoco e portate lentamente a ebollizione, lasciate bollire a fiamma dolce per circa 5 minuti continuando a mescolare fino al completo scioglimento dello zucchero.
A questo punto, prestando attenzione a non scottarvi, avvicinate una fiamma viva alla superficie del vino, potete usare un cannello oppure uno spiedino di legno, facendo così infiammare l’alcool contenuto nel vino, e lasciate  fiammeggiare fino al suo completo spegnimento.
Quindi, filtrate immediatamente il vin brulé attraverso un colino a maglie fittissime in bicchieri di vetro temprato o di ceramica, che sono piuttosto resistenti al calore, un normale bicchiere potrebbe non reggere l’eccessivo calore; e servite subito, ancora ben caldo, guarnendo ciascun bicchiere con una fetta d’arancia e una stella di anice.

Seguici e condividi:

Lascia un commento

Torna su